Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Danesi si prepara a lasciare il terminal Psa Genova Prà con il record storico di Teu

Nonostante la criticità operative con cui il terminal ha dovuto fare i conti (allerte meteo rosse e congestioni autostradali conseguenti a blocchi e crolli vari), il Psa Genova Prà nel 2019 ha fatto segnare il suo nuovo record storico per quantità di Teu movimentati.

Secondo quanto reso noto dalla stessa società terminalistica controllata al 65% da Psa International e al 35% da Gruppo Investimenti Portuali, nell’intero 2019 i Teu imbarcati e sbarcati sono stati 1.604.305. Un dato in crescita di un +1,4% rispetto al 2018 e quanto basta (+0,1%) rispetto al 2017 (quando erano stati 1.604.605 Teu) per far segnare un primato storico.

Nel singolo mese di dicembre del 2019, con 122.336 Teu im imbarco e sbarco, l’ex-Vte ha visto crescere i Teu movimentati (il dato non distingue fra pieni e vuoti e fra transhipment o traffico in import-export) addirittura di un +4,5% rispetto al precedente mese di novembre mentre rispetto a dicembre 2018 il dato è inferiore del 2%.

Per Psa Genova Prà il 2020 sarà un anno particolarmente importante per due motivi principali: il primo è l’ingresso in attività del terminal container concorrente di Vado Ligure gestito da APM Terminals, il secondo è l’ormai prossima uscita di scena del suo timoniere, l’amministratore delegato Gilberto Danesi, che ha maturato il tempo necessario per la pensione. Secondo quanto risulta a SHIPPING ITALY il suo successore dovrebbe essere Roberto Ferrari, attualmente general manager del terminal Sech controllato al 60% da Gip e partecipato al 40% da Psa. Come noto Psa genova Prà e Sech hanno da alcuni mesi sottoposto alla locale port authority un progetto di fusione fra i due terminal.

Nicola Capuzzo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY