Il quotidiano on-line del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Grimaldi conferma: ordinati due traghetti per Finnlines da 5.100 ml e 1.100 passeggeri



La compagnia di navigazione nordeuropea Finnlines controllata dal gruppo armatoriale Grimaldi ha ufficializzato l’ordine al cantiere China Merchants Jinling Shipyard (Weihai) Co. (ex AVIC Weihai) del gruppo China Merchants Group per la costruzione di due navi ro-pax.
Le due unità, classe “Superstar”, saranno prese in consegna nel 2023 e diventeranno le ammiraglie della flotta della compagnia finlandese.

Saranno più grandi delle unità di classe ‘Star’ attualmente in servizio: con una lunghezza di circa 230 metri, la loro capacità di carico sarà di 5.100 metri lineari di rotabili e di circa 1.100 passeggeri. Il prezzo di ogni navi si aggira intorno ai 135 milioni di euro.

Per il gruppo Grimaldi di Napoli si tratta della prima volta nella sua storia che ordina navi traghetto ro-pax in Asia e non in Europa. Troppo fuori mercato le richieste dei cantieri navali europei e italiani (Fincantieri compresa).

Dopo questa commessa Grimaldi ha già fatto sapere che il gruppo ha iniziato a lavorare a un’ulteriore serie di navi ribattezzate ‘Super Cruise’ che rappresenteranno l’evoluzione dei traghetti classe ‘Cruise’ (Cruise Roma, Cruise Barcelona, Cruise Europa e Cruise Olympia) e verranno impiegate sul mercato del Mediterraneo.

Sempre in tema di nuovi ordini Grimaldi Group ha sempre intenzione di far costruire anche una nuova serie di navi con-ro per i servizi deep sea che collegano l’Europa, il Nord America, il West Africa e il Sud America. “Abbiamo in programma di costruire una serie di 6 nuove navi con-ro che andranno a sostituire altrettante navi che fra 4/5 raggiungeranno i 25 anni d’età” ha spiegato Gianluca Grimaldi, fratello di Emanuele e anch’egli amministratore delegato del gruppo, sempre in occasione della Euromed Convention. “Rispetto ai piani originari questo piano d’investimenti è stato leggermente posticipato ma contiamo di completare il progetto il prossimo anno per poi andare a gara con i cantieri e firmare la commessa. Le prossime navi dovranno entrare in servizio entro cinque anni”.

In questo caso il progetto sarà un’evoluzione della navi multipurpose della classe G4 dove “la portata di contenitori sarà incrementata di almeno 1.000 TEU, mentre pensiamo di ridurre leggermente i metri lineari di garage che attualmente sono 4.000” ha spiegato ancora Gianluca Grimaldi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY