Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Rimorchiatori Riuniti si prepara alla gara di Genova con un nuovo rimorchiatore

Nelle prossime ore è atteso nel porto di Genova l’arrivo di un nuovo mezzo per il gruppo Rimorchiatori Riuniti che a breve dovrà battersi per ottenere il rinnovo della concessione sotto la Lanterna.

L’ultima new entry della flotta è una nuova costruzione appena realizzata dal cantiere navale turco Sanmar, progetto Robert Allan, lunghezza 25,3 metri, 12 di larghezza e una capacità di tiro al punto fisso pari a 70 tonnellate. Il mezzo è in rotta verso Genova dalla Turchia con il nome seriale Delicay VI e una volta giunto in porto (nelle prossime ore) verrà preso in consegna dal committente che lo battezzerà con il nuovo nome (Italia) prima dell’entrata in servizio.

Con questo ulteriore investimento (l’ordine era stato firmato circa un anno fa) Rimorchiatori Riuniti del Mediterraneo, la subholding di Rimorchiatori Riuniti dedicata alle attività di rimorchio portuale, potenzia la proprie dotazione di mezzi in vista delle prossime gare attese in diversi scali italiani fra cui Genova e Salerno dove l’azienda guidata dalle famiglie Gavarone e Delle Piane è attualmente concessionaria del servizio.

A Genova la Capitaneria di porto ha appena pubblicato un avviso con cui rende noto che nel capoluogo ligure ci sarà solo un soggetto concessionario adibito al servizio di rimorchio. Un atto atteso ma che conferma l’impostazione attuale dei servizi in concessione e che prepara la strada alla procedura di gara ormai imminente.

In diversi scali italiani le gare per il rinnovo delle concessioni per il servizio di rimorchio sarebbero già dovute essere lanciate ma in questo momento a ritardare l’iter sarebbe una verifica da parte di Bruxelles sui bandi di gara. Secondo quanto risulta a SHIPPING ITALY il Ministero dei trasporti e le Capitanerie di Porto avrebbero optato per l’imposizione del vincolo della bandiera italiana sui rimorchiatori da impiegare negli scali nazionali mentre questa scelta non piace alla Commissione Europea poiché limiterebbe l’accesso alla gara di altri soggetti comunitari.

Fatto salvo questo ulteriore intoppo attualmente in via di risoluzione, l’avvio delle gare per l’assegnazione dei servizi di rimorchio in diversi porti italiani dovrebbe essere ormai questione di giorni.

Nicola Capuzzo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY