Il quotidiano on-line del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Gruppo Pir celebra il centenario e incrementa le rinfuse liquide essenziali in tempo di Covid



Il Gruppo PIR, primario operatore di mercato in Italia e nel Mediterraneo nel settore dello stoccaggio, movimentazione e distribuzione per conto terzi di rinfuse liquide e prodotti solidi sia sfusi che confezionati, festeggia quest’anno il proprio centenario. L’anniversario viene celebrato con un volume di 280 pagine dal titolo “Il merito dei padri. Storia de La Petrolifera Italo Rumena, 1920-2020” pubblicato dalla casa editrice Il Mulino e la realizzazione della mostra fotografica “Il Centenario PIR – 1920-2020” a Marina di Ravenna.

“Il centenario, però, cade in un periodo particolarmente difficile che ha visto l’azienda ravennate pienamente operativa anche nel periodo del lockdown” si legge in una nota del gruppo guidato da Guido Ottolenghi. “I prodotti che transitano regolarmente per il deposito costiero di Ravenna (alcoli, glicoli, acetati, acidi) sono indispensabili nella nostra vita quotidiana e, molti di essi, sono necessari a fronteggiare la crisi innescata dal nuovo coronavirus”.

Da inizio anno il volume delle merci movimentate da La Petrolifera Italo Rumena è in linea con quello dello stesso periodo del 2019 ma l’andamento dei prodotti è stato molto diverso: “Se da un lato i prodotti destinati al settore automotive o a quello del mobile hanno subito un brusco calo, dall’altro si osserva un boom nei prodotti destinati alla detergenza e alla disinfezione in ambito sanitario”spiegano da Pir. “Nei mesi di marzo e aprile, infatti, rispetto all’analogo periodo del 2019, si rileva una crescita del 100% nella movimentazione di prodotti come l’alcol etilico, passato da 15mila a 30mila tonnellate circa. Un’impennata spinta dalla forte crescita della domanda proveniente da famiglie, imprese che operano nel settore sanitario e ospedali”.

Oggi il Gruppo PIR getsice 6 terminal portuali a Ravenna e Genova in Italia, Valona in Albania e Zarzis in Tunisa, occupa 270 dipendenti, garantisce 840 mila metri cubi di capacità per prodotti liquidi in 238 serbatoi e 400 mila tonnellate di capacità in magazzini e sili per merci secche (principalmente cereali). Mediamente ogni anno le aziende del gruppo operano 560 navi, 1.000 treni, 97 mila autobotti e 52 mila autocarri.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY