Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Puntualità e noli marittimi stabili nelle linee container durante l’emergenza Covid-19

Ci sostiene che durante il picco dell’emergenza pandemica di Covid-19 le linee marittime abbiano garantito servizi meno puntuali e affidabili oltre ad aver richiesto noli particolarmente elevati viene ora smentito dagli analisi di Sea-Intelligence.

Per quanto riguarda l’affidabilità delle rotazioni in termini di rispetto della programmazione prevista, le analisi della società di ricerca pubblicate nel Global Liner Performance report dicono che ad aprile le compagnie di navigazione hanno mantenuto una puntualità dei servizi di linea intorno al 70%. Per essere pignoli è calata dello 0,4% a 69,8% ma il trend complessivamente è rimasto quindi sostanzialmente invariato rispetto alla fase pre-Covid e nonostante le cancellazioni di molte partenze. E’ peggiorato, invece, rispetto a un anno prima perché da aprile 2019 ad aprile 2020 questo indice di affidabilità delle linee container (una sintesi dei vari trade a livello globale) è calato di 6,7 punti percentuali.

Secondo gli esperti di Sea-Intelligence se, come pare, i global carrier si sono mossi per compensare l’effetto dei blank sailing garantendo il più possibile il rispetto della programmazione delle linee, non è escluso che nella fase finale di questa emergenza o in quella subito successivo questo indice di affidabilità possa anche migliorare. Detto ciò, un possibile consistente aumento dei volumi spediti nella fase di ripartenza dell’economia, potrebbe anche ‘ingolfare’ le attività terminalistiche e quindi andare a impattare negativamente sull’affidabilità dei servizi in termini di rispetto delle schedule.

Sea-Intelligence sottolinea infine che Hamburg Sud risulta essere il vettore più affidabile quanto a puntualità dei suoi servizi (80,3%) fra le prime 15 compagnie al mondo, seguita da Wan Hai (76,2%). Tutti e tre i membri di The Alliance, invece, risultano agli ultimi posti con Yang Ming che mostra un indice pari al 65,1%.

La stessa società di ricerca e consulenza ha anche analizzato l’andamento dei noli sport per le spedizioni via mare di container scoprendo che osservando il trend di lungo termine non ci sono stati sbalzi significativi per effetto del Coronavirus. Sea Intelligence conclude preannunciando che molti continueranno a essere i blank sailing anche nel terzo trimestre del 2020 e per ciò che riguarda il trade Asia – Europa segnala i seguenti servizi come i più colpiti da futuri blank sailing: Ae2/Swan e il Ae20/Dragon dell’alleanza 2M oltre al FE4 di The Alliance.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY