Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Nuova organizzazione e nuovi ingressi in casa Scerni

Il Gruppo Scerni ha reso noto di aver dato vita a una nuova organizzazione “con l’obiettivo di incrementare la velocità di esecuzione e di espandere la value chain avvicinandosi a nuovi settori e trend di consumo”. L’azienda controllata dall’omonima famiglia genovese e attiva nel business della logistica, dei trasporti e delle spedizioni spiega che “il mercato richiede da sempre integrazione e capacità di efficientare la modalità di erogazione dei servizi logistici e in tal senso Scerni riorganizza le sue business unit creando un’unica unità di coordinamento denominata ‘Logistics’ composta da tutte le attività legate ai magazzini in appalto e i trasporti che gravitano attorno ad essi”. Dario Rizzi è stato posto a capo di questa business unit mentre Paolo Iannelli rimane responsabile di quella ‘Agenzia & Spedizioni’.

L’azienda fa sapere inoltre di aver creato nella business unit Logistics una struttura dedicata per sito e la realizzazione di un programma di talent intake che ha consentito di arricchire la qualità dell’organizzazione e il mix delle competenze presenti in azienda. Roberto Medici (proveniente da IKEA) e Simone Veschi (da Whirlpool) si sono uniti alla squadra portando esperienza e competenze manageriali.

Al contempo, è stata creato un nuovo ruolo che ha il compito di sviluppare nuovi flussi di lavoro trovando le sinergie con i business partner di Scerni, con l’ingresso in azienda di Gabriele Parodi quale Business Development Manager. Gabriele (ex Zim, SeagoLine, Messina) ha una vasta esperienza commerciale e supporterà il vertice aziendale per la definizione della strategia del Gruppo Scerni nei prossimi anni.

“Questa riorganizzazione, anche in tempi molto difficili come quelli che stiamo tutti vivendo, dimostra la volontà di Scerni di investire nelle risorse umane per il raggiungimento degli obiettivi di lungo periodo, creando valore agli azionisti, ai clienti e alle persone che lavorano in azienda” conclude l’azienda.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY