Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Emendamento autoproduzione bocciato dalla Ragioneria generale dello Stato

Nonostante i sindacati dei lavoratori e alcune compagnie portuali si siano affrettate a festeggiare la sua approvazione alla Commissione Bilancio della Camera,  il cosiddetto ’emendamento Gariglio’ (dal nome del parlamentare che l’ha proposto) volto a limitare l’autoproduzione delle compagnie di navigazione a bordo delle proprie navi in banchina potrebbe essere ancora in salita.

Secondo quanto appreso infatti da SHIPPING ITALY l’emendamento 199.06 al testo del decreto Rilancio è stato infatti bocciato dal Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato (Ministero dell’econonia e delle Finanze) che, nella sua relazione sugli emendamenti datata 6 luglio, a proposito della proposta normativa volta a limitare l’autoproduzione scrive: “La relazione tecnica specifica solo che la proposta ha carattere ordinamentale e che pertanto la stessa non determina nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica”. Poi aggiunge: “La proposta sembra limitare la possibilità di ricorrere alla autoproduzione con possibili riflessi sulla concorrenza”.

Questa è la conclusione a cui giunge il Ministero dell’economia: “Nel rinviare anche al MIT e al dipartimento per le politiche europee occorre acquisire conferma sulla compatibilità della disposizione con la normativa nazionale e comunitaria al fine di evitare il rischio di procedure di infrazione collegate alla non conformità della norma al principio di libera concorrenza e i conseguenti oneri”. In mancanza di queste pre-condizioni la Ragioneria generale dello Stato “esprime parere contrario”. Dello stesso avviso è l’ufficio legislativo del dicastero.

Rimane da capire se e quali strade (diverse) potrà ora seguire la proposta normativa voluta dai sindacati confederali dei lavoratori e da Ancip per cercare di limitare l’autoproduzione in banchina. Non è escluso che la norma possa comunque essere approvata nell’ambito della conversione in legge del Decreto Rilancio con conseguente impugnazione (già data per scontata) dagli armatori.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY