Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Maersk prevede il ritorno alla normalità nel primo semestre del 2021

Il ritorno alla ‘normalità’ pre-Covid secondo il gruppo Maersk si vedrà nel corso del primo semestre 2021. Lo ha detto l’amministratore delegato del gruppo danese presentando i risultati del secondo trimestre 2020 che, a detta di quasi tutti gli analisti, sono stati sorprendentemente positivi considerando il difficile periodo di mercato attraversato per effetto del lockdown e delle misure di contegno dell’epidemia di coronavirus.

“Secondo le nostre previsioni nel corso della prima metà del 2021 torneremo ad avere volumi trasportati e scambi commerciali ai livelli visti nel 2019” ha affermato Soren Skou, amministratore delegato di Maersk. Che poi ha anche aggiunto: “Con questi solidi risultati e un bilancio forte siamo ben posizionati per uscire più forti finanziariamente e strategicamente dalla crisi”.

Il colosso danese del trasporto marittimo containerizzato e del terminalismo portuale a inizio anno aveva previsto un Ebitda per il 2020 di 5,5 miliardi di dollari mentre ora le stime sono state riviste al rialzo fra 6 e 7 miliardi.

Maersk ha anche precisato che la domanda di trasporto via mare di container inevitabilmente calerà quest’anno rispetto al 2019, ma ha anche aggiunto come, rispetto al crollo del 20% a cui si è assistito nel mese di aprile, già nel terzo trimestre dell’anno il decremento si limiterà a un -4/-6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.