Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Da Bimco un nuovo formulario per il sale & lease back di navi

L’associazione armatoriale internazionale Bimco ha annunciato l’adozione di Shiplease, un nuovo modello di contratto per le operazioni di sale and leaseback di navi che sarà disponibile nei prossimi giorni e riguarderà transazioni relative a unità navali di seconda mano ma potrà essere facilmente adattato anche alle nuove costruzioni.

“Questo è uno step arrivato al momento giusto. In tempi particolarmente critici per gli armatori è importante essere in grado di liberare liquidità e nel contempo mantenere la possibilità di gestire una nave e operare come proprietari nell’ambito di un contratto di noleggio a lungo termine. Il modello costituisce una base di facile utilizzo per negoziare questo tipo di accordi” ha spiegato Sabrina Chao, presidente designata del Bimco e presidente della Wah Kwong Shipping Holdings.

Ricordando che la vendita con lease back di navi è un tipo di transazione sempre più utilizzata per il finanziamento navale e che la maggior parte di queste operazioni ha origine in Estremo Oriente, Bimco ha precisato che il modello Shiplease è stato sviluppato da un comitato basato in Asia che ha coinvolto le principali compagnie armatoriali e di ship leasing. Il comitato era costituito da Alexandros Laios (Navios Corporation), Catherine Smith (Wah Kwong), Conor Warde (Mayer Brown), Jia Zhang (China Development Bank Leasing), Jay Shi (China Merchants Bank Financial Leasing), Lawrence Chao (Island Navigation), Matt Hannaford (Hannaford Turner LLP), Olga Petrovic (Linklaters LLP) e Shen Zhao (CSIC Leasing).

In Italia diverse società armatoriali (fra cui in particolare Navigazione Montanari, d’Amico International Shipping, Premuda, Scoprio Tankers e altre) hanno portato a termine operazioni di sale & lease back nei mesi e negli anni passati per diverse navi delle rispettive flotte.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY