Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

E’ online il nuovo inserto speciale “PROJECT CARGO ITALY – Edizione 2020”

Puoi leggere gratuitamente tutto l’inserto speciale “PROJECT CARGO ITALY – Edizione 2020″ in formato sfogliabile su ISSUU oppure in formato PDF

SHIPPING ITALY pubblica oggi un nuovo inserto speciale intitolato “PROJECT CARGO ITALY – Edizione 2020” (leggibile in formato sfogliabile ISSUU o in PDF scaricabile gratuitamente) che racconta in 35 pagine il meglio delle spedizioni “fuori sagoma” che hanno visto protagoniste le aziende italiane negli ultimi dodici mesi.

Questa nuova pubblicazione avrà frequenza annuale e mira ad affermarsi come una vetrina per il meglio del “Made in Italy” nel campo delle spedizioni di carichi project e heavy lift, evidenziando per ogni spedizione le complessità e le criticità risolte al fine di portare a termine con successo il lavoro richiesto dalla committenza.

Nell’inserto trovano spazio i contributi di Animp (Associazione nazionale di impiantistica industriale) e di due dai maggiori contractor italiani (Maire Tecnimont e Saipem), una panoramica aggiornata sui terminal portuali italiani e sui vettori marittimi break bulk che scalano la penisola, oltre che un aggiornamento sul’andamento del mercato post-lockdwon.

Parte integrante dell’inserto è rappresentata dai resoconti forniti da alcuni dei più importanti spedizionieri, terminalisti, broker e vettori marittimi italiani su alcuni lavori di particolare rilevanza portati a termine con successo negli ultimi mesi.

L’obiettivo dell’inserto è quello di offrire una radiografia aggiornato sullo stato del comparto e consentire alle aziende italiane attive nel segmento break bulk e project cargo di far sapere al mondo industriale di quali imprese straordinarie siano capaci nel campo della movimentazione e delle spedizioni di carichi fuori sagoma e/o di peso eccezionale.

Quella appena pubblicata è la prima edizione di un inserto che SHIPPING ITALY continuerà a offrire regolarmente in futuro con frequenza annuale.

Nicola Capuzzo