Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Contship Italia più forte del Covid: primo semestre in utile per 13,7 mln nonostante il calo dei container

Il gruppo terminalistico tedesco Eurokai, che nel nostro Paese controlla l’83,3% di Contship Italia, nei primi sei mesi del 2020 ha dovuto fare i conti con l’impatto negativo delle condizioni meteo e soprattutto del coronavirus (e dei blank sailing da parte delle compagnie di navigazione) che ha comportato una riduzione del -11,8%. Nei Paesi in cui opera (Germania, Italia, Marocco, Cipro, Portogallo e Russia) dal 1 gennaio al 30 giugno sono stati movimentati 5,2 milioni di Teu. Nonostante ciò i risultati finanziari a livello di gruppo sono ancora positivi: i ricavi sono scesi a 95,4 milioni di euro (da 149,6 milioni al 30 giugno 2019), l’Ebit è diminuito da 56,9 a 17,4 milioni, mentre il risultato netto è ancora positivo per 3,5 milioni (alla fine del primo semestre 2019 era di 51,5 milioni).

Per ciò che riguarda nel dettaglio i terminal di Contship Italia il La Spezia Container Terminal ha movimentato in sei mesi 503.540 Teu (-24,7%), il Ravenna Terminal Container 83.830 Teu (-7,8%) mentre il Salerno Container Terminal 199.845 Teu (+5%). Orfana ormai di Gioia Tauro e di Cagliari, porti dai quali si è ritirata l’anno scorso, Contship Italia ha imbarcato e sbarcato complessivamente 787.215 Teu in Italia, un volume in calo del 17,1% rispetto alla prima metà del 2019.

Da un punto di vista dei risultati finanziari la controllata italiana di Eurokai ha chiuso i primi sei mesi del 2020 con un utile di 13,7 milioni di euro, in netto calo rispetto ai 55,2 milioni del primo semestre 2019 quando i conti erano però ‘gonfiati’ dalla cessione a Msc di Csm Italia gate, società controllante del Medcenter Container Terminal di Gioia Tauro.

Per quanto riguarda le attività terrestri di Contship in Italia, Hannibal ha registrato un calo dei volumi trasportati via treno e gomma del 32,2% al 30 giugno scorso e il risultato netto era negativo, in rosso anche Oceanogate che ha visto calare del 27,5% il numero di treni container effettuati e pure Rail Hub Milano ha visto decrescere del 24,4% i volumi movimentati.