Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Terminal Bettolo può partire: è approdata Msc Sena. Buone notizie sulle navi da 5.000 Teu (FOTO)

Genova – Alle ore 18 circa del 12 Ottobre 2020, la nave portacontainer Msc Sena è approdata al nuovo Terminal Bettolo del porto di genova dando il via operativo (anche lato mare) alla nuova banchina in concessione al Gruppo Msc. Fa un certo effetto pensare che questo nuovo terminal è stato concepito nei primi anni Duemila per ospitare sotto la Lanterna le grandi navi portacontainer del futuro e invece è stato inaugurato con una classe di nave portacontainer (da 2.500 Teu) che rappresenta praticamente la fascia minima di portata per questo genere di navi. Ci sono voluti 20 anni per realizzarla e ora entra in attività ma per meno della metà della sua superficie di piazzale complessiva. La nave Msc Sena è arrivata in Italia dai porti del Mar Nero e della Turchia solo parzialmente carica e nelle prossime 24 ore imbarcherà sbarcherà i container in import e caricherà quelli destinati all’export. Lo scalo della nave successivo a Genova sarà l’hub di Msc a Gioia Tauro.

Sempre a proposito del Terminal Bettolo buone notizie per la shipping company elvetica guidata da Gianluigi Aponte sono arrivate dall’attracco sperimentale e dai test di imbarco e sbarco svolti durante l’ormeggio della nave Msc Bhavya da 5.000 Teu di portata, lunga 294 metri e larga 32. Secondo quanto reso noto dalla Capitaneria di Porto non non sono state rilevate criticità operative durante il transito di altre navi nel canale di Sampierdarena e quindi il terminal potrà continuare ad accogliere navi di larghezza massima pari a 32 metri con alcune prescrizioni. La manovra di ormeggio alla banchina dal punto di vista tecnico-nautico rimane “sperimentale” e quindi saranno poste alcune condizioni e limitazioni relative alle condizioni meteo-marine, alla necessità di utilizzare rimorchiatori e altro.

“La sosta della nave Msc Bhavya ha consentito di verificare la sussistenza dei parametri tecnici e interferenziali, già analizzati in sede di simulazione, tra una unità portacontainer della classe Panamax Max – di dimensioni 294 x 32 metri e capacità di 5.000 Teu – e il traffico portuale che regolarmente interessa il porto di Genova. Nei giorni di sosta sono state in particolare monitorate le interazioni dell’unità ormeggiata con le navi in transito nel Canale di Sampierdarena e l’efficacia della specifica configurazione d’ormeggio. La sperimentazione si è rivelata un buon test sia per la variegata tipologia e dimensioni di unità che sono transitate in zona , sia per le condizioni metereologiche verificatesi nel corso dei giorni di sosta” si legge nella nota della Capitaneria.

La Capitaneria guidata a Genova dall’ammiraglio Nicola Carlone precisa fine che “le valutazioni di dettaglio per unità di 294 metri di lunghezza saranno oggetto di specifiche analisi nei prossimi giorni con l’ausilio dei servizi tecnico-nautici del porto”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY