Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Moby Spl pensa per il 2021 una nuova rotta verso Kaliningrad

Moby Spl (St. Peter Line), la compagnia di navigazione russa controllata dal gruppo italiano Moby, sta valutando la possibilità di attivare una linea regolare fra San Pietroburgo e Kaliningrad nel 2021 se le restrizioni relative al coronavirus sui viaggi all’estero saranno prolungate. Lo ha detto Sergey Kotenev, vertice della compagnia di navigazione, in occasione di un webinar dedicato ai traghetti in Russia. Già nella primavera dello scorso anno sia lo stesso a.d. della compagnia russa che il direttore commerciale del gruppo Moby, Alessandro Onorato, avevano preannunciato un ampliamento del proprio network proprio verso l’exclave russa tra Polonia e Lituania con accesso al Mar Baltico.

Secondo i programmi quella che potrebbe prendere forma nel 2021 sarebbe una crociera regolare di 6 giorni con uno scalo tecnico a Stoccolma per imbarcare mezzi Scania e Volvo da trasportare poi verso la Russia appunto (ogni anno le navi Moby Spl ne imbarcano circa 3.000).

Per lanciare questa linea, la compagnia confida su agevolazioni concesse da parte dei porti di scalo e rimarrà tuttavia dam affrontare la criticità per cui a Kaliningrad non esiste un ormeggio specializzato per navi da crociere o ro-pax (il progetto Pionerskij è stato congelato). “Forse troveremo un ormeggio adatto Baltiysk” ha spiegato Kotenev.

Se invece i vincoli agli spostamenti imposti dall’emergenza coronavirus dovessero essere eliminati nel 2021, la compagnia prevede di operare regolarmente le sue linee fra i porti di San Pietroburgo – Tallinn – Stoccolma e Helsinki.

Lo stesso Koetenev ha fatto anche sapere che Moby Spl intravvede anche un grande potenziale nel trasporto marittimo verso la Germania utilizzando proprio Kaliningrad come porto di transito.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY