Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Tre nuove navi entrano a far parte della flotta Grimaldi Group a gennaio

Il 2021 del Gruppo Grimaldi si apre con la consegna della Eco Barcelona appena avvenuta, e quelle di altre due unità ultra-moderne, la Grande Texas e la Eco Livorno, che entreranno a far parte della flotta entro la fine del mese di gennaio. Tanto le due gemelle Eco, destinate al trasporto di merci rotabili nel Mediterraneo, quanto la Grande Texas, sesta delle sette unità Pure Car & Truck Carrier commissionate al cantiere cinese Yangfan di Zhoushan, contribuiranno a rendere la flotta del gruppo ancora più giovane ed ecosostenibile.

La Eco Barcelona, che batte bandiera italiana, è la seconda delle dodici unità ibride della nuova classe Grimaldi Green 5th Generation (GG5G) commissionate al cantiere cinese Jinling di Nanjing.

Lunga 238 metri e larga 34 metri, la Eco Barcelona ha una stazza lorda di 67.311 tonnellate e una velocità di crociera di 20,8 nodi. Può trasportare 7.800 metri lineari di merci rotabili, pari a circa 500 trailer: se confrontata con la precedente classe di navi ro-ro impiegate dal Gruppo Grimaldi per il trasporto di merci di corto raggio, la nuova unità può trasportare il doppio del carico mantenendo gli stessi consumi di carburante a parità di velocità.

Come la sua gemella Eco Valencia, già operativa dalla metà di novembre, una volta arrivata dalla Cina la Eco Barcelona sarà impiegata sulla linea regolare che collega i porti italiani di Livorno e Savona e quelli spagnoli di Barcellona e Valencia.

“Questo nuovo anno inizia con i migliori auspici per il nostro Gruppo: solo nel mese di gennaio accoglieremo nella nostra flotta ben tre nuove navi ultra-moderne, e ancora altre unità saranno consegnate nei mesi a venire” ha dichiarato Emanuele Grimaldi, amministratore delegato della compagnia partenopea. “Grazie alle nuove navi sempre più efficienti, anche nel 2021 faremo del nostro meglio per offrire ai nostri clienti servizi di alta qualità, senza perdere di vista il grande obiettivo dell’ecosostenibilità”.