Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Cantiere Navale Vittoria consegna le prime unità Sar Cp300 autoraddrizzanti alla Guardia Costiera

La Guardia Costiera italiana ha ricevuto dal Cantiere Navale Vittoria le prime due unità Sar (Search and Rescue) CP 300 del ‘pacchetto’ da cinque che è in via di costruzione nello stabilimento veneto. Si tratta di imbarcazioni destinate principalmente allo svolgimento delle operazioni di ricerca e soccorso in mare, lunghe circa 20 metri, larghe 4,5 metri e con un pescaggio di 0,95 metri, progettate per raggiungere una velocità massima continuativa di 35 nodi e in grado di ospitare fino a 200 persone.
Le unità sono considerate inaffondabili e autoraddrizzanti, come dimostrato anche da un test che era stato condotto su una di queste lo scorso agosto.

Il passaggio ufficiale è avvenuto nello stabilimento di Adria con una cerimonia alla quale hanno partecipato Paolo Duò, presidente di Cnv, e una delegazione della Guardia Costiera italiana. “Quelle che affidiamo oggi al Corpo delle Capitanerie di porto – ha commentato Duò – sono delle imbarcazioni modernissime e innovative che ci consentono di ampliare un portafoglio costituito da oltre 80 unità Sar realizzate per diversi corpi di Polizia Marittima o Capitanerie del bacino del Mediterraneo, tra cui spiccano circa 65 unità classe 800 in servizio da oltre 20 anni alla stessa Guardia Costiera Italiana. Questa cerimonia di consegna rappresenta per noi un momento simbolico di consolidamento di una collaborazione storica che oggi viene nuovamente rinnovata”.

Le altre tre unità di tipo CP300 saranno consegnate da Cnv nei prossimi mesi. Il cantiere veneto si era aggiudicato la gara europea indetta dal Ministero dei Trasporti per la loro costruzione nel 2016.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY