Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Dal 2 luglio Grandi Navi Veloci sbarca alle isole Baleari: ecco i primi dettagli

Sul fatto che Grandi Navi Veloci si prepari ad aprire due nuovi collegamenti fra la penisola iberica e le isole Baleari sembrano esserci sempre meno dubbi.

Oltre alle prime conferme arrivate da alcune port authority spagnole circa l’interesse mostrato dalla società guidata da Matteo Catani, è apparsa sul web pure una locandina già preparata dalla compagnia di traghetti genovesi nella quale vengono promossi i nuovi collegamenti pronti a salpare da inizio luglio dai porti continentali di Barcellona e Valencia a quelli insulari di Ibiza e Palma di Maiorca.

Non è ancora chiaro al momento quale sarà precisamente la rotazione operata dalle navi di Gnv ma, secondo quanto appreso da SHIPPING ITALY, i due traghetti impegnati dovrebbero essere non i ro-pax Tenacia e Forza ma bensì le new entry Gnv Bridge (nuova costruzione in via di completamento presso il Cantiere Navale Visentini) e Gnv Sealand (l’ex Scottish Viking). Quest’ultima ha una capacità di 2.255 metri lineari e 195 auto e può accogliere a bordo fino a 880 persone, mentre la prima garantirà 2.564 metri lineari di garage e una capacità di oltre 1.000 passeggeri a bordo.

Con l’arrivo della società di traghetti controllata da Marinvest (holding italiana della famiglia Aponte che controlla Msc) salgono a tre i player attivi sulle rotte fra Spagna e Baleari: i due incumbent sono infatti Trasmediterranea e Balearia.