Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

I corsi che servono agli agenti marittimi: Pessina presenta l’offerta formativa di CISCo ed Ente Bilaterale Nazionale

Genova, oltre a essere capitale nazionale dello shipping e primo porto d’Italia per import/export di carchi containerizzati e merci varie, è anche un punto di riferimento a livello nazionale nella formazione professionale.

Soprattutto in ambito marittimo – portuale grazie all’offerta proposta da C.I.S.Co (centro Internazionale Studi Containers) e dall’Ente Bilaterale Nazionale per il personale dipendente delle Agenzie Marittime Raccomandatarie e Mediatori Marittimi.

A presentare questa offerta formativa è stato Paolo Pessina, presidente di Assagenti, che nella video intervista con SHIPPING ITALY visibile più sotto ha raccontato come gli agenti marittimi siano “l’unica categoria nello shipping che propone dei corsi di formazione specifici in favore delle aziende e dei propri associati”. Il presidente degli agenti marittimi genovesi è convinto che non si possa più “pensare a un marketing territoriale di tipo tradizionale del nostro porto e dell’industria italiana in generale, occorre un marketing mirato sulle industrie che fanno import – export”. La formazione fa parte di questo progetto così come lo sono i convegni divulgativi e formativi che CISCo organizza insieme a Promos Italia.

La tradizione dagli agenti marittimi nel campo della formazione viene da lontano ed è variegata: “A partire dallo storico corso Papagno che ha formato e ancora forma decine e decine di giovani agenti e broker marittimi che in Italia decidono di avviarsi alla professione. Più di 300 addetti sono stati formati solo negli ultimi cinque anni” ha raccontato Pessina. Che poi ha raccontato le ultime novità dicendo: “Insieme a CISCo abbiamo iniziato a collaborare nella formazione da un paio d’anni nell’ambito di corsi specifici relativi ad esempio ai container reefer e alle merci pericolose. A ogni corso hanno partecipato in media più di 30 professionisti. Ciò che occorre nel nostro lavoro è una formazione approfondita e specialistica che solo le aziende sono in grado di dare; per questo è nata l’idea di garantire questa offerta di corsi a 360 gradi per tutti gli associati. Ma anche ai non associati perché i corsi dell’Ente Bilaterale sono aperti a tutte le aziende e ai professionisti che aderiscono al contratto nazionale di settore”.

Guarda l’intervista a Pessina su shipping e formazione a Genova: