Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Rimorchiatori Napoletani firma per un’altra new entry in arrivo dal cantiere Sanmar

A un anno di distanza dalla consegna del rimorchiatore portuale ribattezzato Baia, la società Rimorchiatori Napoletani si appresta a ricevere fra un mese dal cantiere navale turco Sanmar un’altra unità gemella. Secondo quanto reso noto si tratta infatti di un mezzo modello ASD RAstar 2800 disegnati dalla società di progettazione Robert Allan Ltd che va ad aggiungersi alla lunga lista di tug (due da 50 tonnellate di bollard pull, uno da 75 tonnellate di Bp e un altro da 80 tonnellate di Bp) già forniti all’azienda guidata da Gianni Andrea De Domenico.

Il rimorchiatore Sanmar Terminal XXIX è lungo 28,2 metri, largo 12,6, ha un pescaggio di 5,3 metri ed è alimentato da due motori principali Caterpillar 3516 C HD, ciascuno dei quali produce 2525 kW a 1.800 giri/min. E’ dotato inoltre di propulsori Kongsberg US255 FP ed eliche di 2800 mm di diametro, per una velocità di 14 nodi e una capacità di tiro al punto fisso pari a 82 tonnellate.

Ali Gurun, vicepresidente di Sanmar, si è detto “lieto che gli amici di Rimorchiatori Napoletani abbiano deciso di aggiungere un secondo rimorchiatore di classe Terminal alla loro flotta che salirà così a un totale di 5 rimorchiatori Sanmar”.

Nel porto di Napoli l’attività di rimorchio portuale dovrebbe andare a gara nel 2024.