Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Nel decreto Sostegni ok all’esenzione del contributo Art per l’autotrasporto e nuove agenzie per i portuali di Cagliari e Catania

Nel 2021 gli autotrasportatori non dovranno versare i contributi all’Art e i portuali in disoccupazione di Cagliari e Catania confluiranno in agenzie portuali come quelle che erano state costituite a Taranto e a Gioia Tauro.

Lo prevedino appositi emendamento al decreto Sostegni, che ha ricevuto nella notte il via libera da parte delle commissioni Bilancio e Finanze del Senato e che dovrebbe approdare in aula al Senato mercoledì 5 marzo o giovedì 6.

Nel dettaglio una proposta di modifica stabilisce che ”in considerazione dei gravi effetti derivanti dall’emergenza epidemiologica, al fine di sostenere il settore del trasporto, alle imprese di autotrasporto merci in conto terzi, iscritte all’albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l’autotrasporto di cose per conto terzi, non si applica per l’anno 2021 l’obbligo di contribuzione nei confronti dell’autorità di regolazione dei trasporti”.

La stessa Autorità di regolazione dei trasporti aveva stabilito che per l’anno 2021 il contributo sarebbe stato dovuto “in misura pari allo 0,6 per mille del fatturato” per le imprese dotate di veicoli, “con massa complessiva oltre i 26.000 chilogrammi nonché trattori con peso rimorchiabile oltre i 26.000 chilogrammi”. Ai fini del contributo sarebbe stato computato “solo il fatturato derivante dell’attività sopra individuata e svolta dai suddetti mezzi”.

L’authority torinese aveva inoltre individuato una soglia di esenzione per le imprese di trasporto con fatturato fino a 3 milioni di euro, per cui il versamento non sarebbe stato dovuto per importi contributivi che risultassero pari o inferiori a 1.800 euro.

Buone notizie anche per i portuali di Cagliari e di Catania perché è passato un altro emendamento che prevede l’istituzione di agenzie portuali per gli scali di Catania e Cagliari.

“È riconosciuta ai lavoratori in esubero un’indennità di importo a un ventiseiesimo del trattamento massimo mensile di integrazione salariale straordinario, nei porti nei quali almeno l’80% della movimentazione merci contaneinerizzate avviene o sia avvenuta negli ultimi cinque anni in modalità transhipment, si sia realizzata una sensibile diminuzione del traffico rotabile e passeggeri e, infine, persistano stati di crisi aziendali o cessazioni della attività terminalistische e delle imprese portuali” si legge in una nota che spiega come questo sia il contenuto di un emendamento di Italia Viva approvato delle Commissioni Bilancio e Finanze al Senato.

“L’emendamento approvato è di aiuto nel contrastare la crisi in atto nel comparto del trasporto marittimo, in particolare nel settore della movimentazione dei container e nelle attività del trasbordo di merci” ha commentato il senatore di Italia Viva Giuseppe Luigi Cucca.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY