Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Performance record per il terminal galleggiante ‘italiano’ RT Genova

La società Rocktree basata a Singapore, fondata e guidata da diversi italiani (fra cui Mario Terenzio e Daniele Pratolongo) e specializzata nella progettazione, realizzazione ed esercizio di soluzioni per l’imbarco e sbarco offshore di rinfuse solide, ha appena celebrato un primato significativo. Uno dei suoi quattro offshore floating terminal, quello noto con il nome di RT Genova (l’ex Bulk Limpopo di Coeclerici)  posizionato e operativo poche miglia al largo del porto russo di Shakhtersk, ha fatto segnare un nuovo record giornaliero: nella giornata di ieri (20 giugno) ha caricato su una nave oceanica oltre 100mila tonnellate di carbone in 24 ore di tempo. L’azienda per questo risultato ha ringraziato la società mineraria East Mining Company, il porto di Shakhtersk e gli equipaggi dei floating terminal, delle barge e dei rimorchiatori impiegati nelle operazioni.

Il terminal galleggiante RT Genova di Rocktree, azienda al cui timone recentemente è stato nominato in qualità di managing director Giovanni Colotto (fino a pochi mesi fa amministratore delegato di De Poli Tankers), è una nave bulk carrier classe Supramax costruita nel 2012 (cantiere Jiangsu Hantong Ship Heavy Industry) ed equipaggiata con attrezzature e impianti per garantire in media 72.000 tonnellate di rinfuse movimentate ogni giorno. La nave dispone di quattro gru Liebherr e un sistema di nastri trasportatori che consentono di imbarcare e sbarcare la materia prima da entrambe i lati dello scafo potendo anche contare su un’area buffer centrale rappresentata dallo scafo del floating terminal con una portata lorda di 55.000 tonnellate.