Il quotidiano on-line del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Virgin Voyages fa il suo ingresso nel mercato con Scarlet Lady



Il mercato delle crociere ha ora un nuovo player. Oltre ai gruppi Carnival Corporation, Royal Caribbean Cruises, Norwegian Cruise Line Holdings e Msc Crociere (solo per citare i big che si spartiscono il mercato) si prepara a fare il suo esordio la neonata Virgin Voyages, nuovo operatore del comparto e brand del magnate Richard Branson, proprietario di Virgin. Ieri presso lo stabilimento di Genova Sestri Ponente è stata infatti presentata Scarlet Lady, la prima di quattro navi da crociera commissionate a Fincantieri appena completata.
Si tratta di una nave da circa 110.000 tonnellate di stazza lorda, lunga 278 metri e larga 38, per la quale la compagnia ha investito circa 700 milioni di euro. In totale quasi 3 miliardi di euro per un poker di navi che saranno consegnate entro i prossimi tre anni.
La seconda unità gemella, Valiant Lady, attualmente in costruzione presso lo stesso cantiere, verrà consegnata nel 2021, mentre la terza e la quarta unità, ancora senza nome, prenderanno il mare rispettivamente nel 2022 e 2023. Saranno tutte dotate di oltre 1.400 cabine in grado di ospitare a bordo più di 2.770 passeggeri, assistiti da un equipaggio di 1.160 persone per garantire un nuovo stile distintivo di Virgin. La nuova unità si caratterizza per il design originale e per la particolare attenzione prestata al recupero energetico grazie all’utilizzo di tecnologie alternative e all’avanguardia nel settore capaci di ridurre l’impatto ambientale complessivo.
Diversamente dai competitor, la cui utenza ha un’età media piuttosto avanzata o è rappresentata da famiglie con bambini, Virgin Voyages mira a portare in crociera un target di clientela senza figli e rappresentato da giovani (d’età o di mentalità) in cerca di svago e divertimento. La prima delle crociere “adults only” si terrà fra poche settimane e partirà da Miami; secondo quanto annunciato nei mesi scorsi da Branson, avranno un impatto rivoluzionario sul mercato. L’idea non è quindi quella di andare a sottrarre quote di mercato alle altre compagnie crocieristiche ma attirare quell’enorme bacino d’utenza potenziale rappresentato da chi non ha mai fatto una crociera e guarda a un modello di vacanza divertente e variegato.
Per questa avventura il numero uno di Virgin ha arruolato Tom McAlpin, ex amministratore delegato di Disney Cruises (curiosamente si occupava di crociere espressamente studiate per bambini e famiglie) e ha ottenuto il supporto finanziario di Bain Capital che ha iniettato centinaia di milioni di dollari per rilevare la maggioranza azionaria della compagnia fin dalla sua fondazione.

N.C.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY