Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Onorato: “Traffico passeggeri praticamente azzerato ma resistiamo”

Mentre Moby affidava a una nota pubblicata alla borsa del Lussemburgo l’annuncio con cui ufficializzava il default sul rimborso della rata del bond e del prestito bancario, il patron Vincenzo Onorato affidava a Facebook un messaggio alla sua gente invitando a tenere duro nonostante il pesante momento di crisi.

“In 62 anni di vita, non ho mai trascorso un solo giorno senza combattere. Da ormai molti mesi insieme abbiamo combattuto l’assalto dei Fondi speculativi che volevano farci a pezzi per meri interessi economici. Abbiamo affrontato gli attacchi di una concorrenza sempre più determinata a distruggere la nostra realtà sui mari. Ora, una nuova emergenza, il Coronavirus tormenta il nostro Paese e l’intero pianeta” scrive l’esperto armatore napoletano.

Il numero uno di Onorato Armatori ricorda che Moby e Tirrenia nel loro piccolo sono “comunque la prima infrastruttura sul mare del Paese. Trasportiamo ogni anno circa 8 milioni di passeggeri sulle nostre Isole e circa 600 mila camion. Impieghiamo circa 5.800 persone del nostro Paese”.

Il messaggio si conclude con quello che sembra essere un appello a resistere rivolto ai suoi lavoratori: “Stiamo soffrendo: la prima nostra fonte di reddito, il traffico passeggeri, è stata praticamente azzerata. Sopravviveremo con la consapevolezza che la nostra forza consiste nella nostra unità. Il mio pensiero corre anche e soprattutto alla Gente delle nostre Isole che vive principalmente di turismo e sono molto preoccupato anche per loro. È necessario avere Fede in nostro Signore, ma anche sulle nostre capacità e determinazione nel venirne fuori. Supereremo anche questa e saremo più forti di prima. Il Paese sarà più forte di prima, le Isole risorgeranno più forti di prima. Io sono sul ponte di comando giorno e notte. Che Dio ci protegga”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY