Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Siremar: Regione Siciliana non esclude ipotesi rescissione del contratto pubblico e promette nuove navi

“Fermo restando che la nave Lampedusa è stata riparata e che la situazione, dalle ore 20 di oggi, sarà tornata alla normalità, il nuovo allarme lanciato dal sindaco Totò Martello ci vede molto attenti nel raccogliere e fare nostre le preoccupazioni degli abitanti delle Pelagie”. A esprimersi in questo modo è stato l’assessore regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti, Marco Falcone, a proposito della presa di posizione del sindaco di Lampedusa sui disservizi nei collegamenti marittimi tra Sicilia e isole Pelagie.

“La Siremar, società controllata da Caronte & Tourist che attinge al finanziamento pubblico dello Stato e della Regione Siciliana, deve porre fine una volta per tutte alle criticità lamentate sui collegamenti con Lampedusa e Linosa” ha aggiunto. “Ecco perché, comunque, i disservizi della società di navigazione sono già stati pesantemente sanzionati dalla Regione con penali che superano il milione e mezzo di euro. Ma a questo punto non escludiamo, ove fosse necessario di fronte la ripetersi delle inadempienze, che il Governo Musumeci possa valutare la rescissione del contratto come una delle soluzioni sul tavolo”.

Infine l’assessore Falcone ha concluso dicendo: “In ogni caso abbiamo già avviato tutte le procedure per bandire la gara per il nuovo naviglio cosicché, già entro la primavera del 2021, possano entrare in servizio quelle navi più moderne ed efficienti attese da anni”.