Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Assiterminal e Assologistica nel Dl Sostegno chiedono riduzioni dei canoni portuali e supporto ai terminal crociere

Assiterminal e Assologistica hanno elaborato due proposte per il prossimo Dl Sostegno, che considerano “funzionali alla tenuta del sistema delle aziende operanti nella portualità italiana”.

In sintesi la prima consiste in una riproposizione della riduzione dei canoni concessori dovuti per il 2021, che sia proporzionale alla riduzione dei fatturati (sempre nel confronto con il 2019), e che prenda spunto dall’art.199, DL 34/20 e dall’Odg approvato in sede di conversione DL Milleproroghe. Prevista inoltre una modifica dei rapporti concessori in essere, compatibilmente con la disciplina europea e ove ne ricorrano le condizioni, “al fine di tenere conto degli effetti derivanti dall’emergenza epidemiologica” e garantire l’equilibrio economico-finanziario delle concessioni medesime.

La seconda proposta è invece una riproposizione del cosiddetto fondo Terminal Passeggeri, a vantaggio in particolare delle Stazioni Marittime, piegate dal crollo del traffico crocieristico. La stima per il primo semestre 2021 è infatti di un calo del traffico nei porti italiani del 99% rispetto allo stesso periodo del 2019.

In particolare secondo la proposta di Assiterminal e Assologistica verrebbe incrementato il fondo già istituito presso il Ministero “per una dotazione ulteriore di 40 milioni di euro per l’anno 2021”, destinato a compensare la riduzione dei ricavi per decremento passeggeri nel primo semestre 2021 rispetto alla media dei periodi analoghi del biennio 2018-2019.

Le due proposte sono state girate al Mims (ex Mit), ai capigruppo di Camera e Senato, e ai presidenti delle Commissioni trasporti e bilancio delle due camere. Nella lettera inviata a deputati e senatori, le due associazioni, per voce dei presidenti Luca Becce (Assiterminal) e Andrea Gentile (Assologistica) evidenziano come l’obiettivo di entrambe sia quello di “promuovere istanze” – che descrivono come un potenziale “ausilio a tutto il settore della portualità indipendentemente dalla rappresentanza associativa” – le quali “possano avere una ricaduta positiva sul sistema dell’imprenditorialità portuale”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY