Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

La nuovissima Gnv Bridge si è incagliata dopo aver lasciato il Cantiere Navale Visentini

A pochi giorni di distanza dall’incaglio della grande nave portacontainer Ever Given che ha bloccato il canale di Suez, anche la nuovissima nave traghetto Gnv Bridge si è bloccata sul fondale appena ha fatto il suo ingresso in Mar Adriatico dopo aver lasciato il Cantiere Navale Visentini di Porto Viro (Rovigo).

Lo riportano fonti di stampa locale spiegando come il fondale troppo basso nei pressi di Albarella abbia fatto insabbiare il traghetto che, nonostante il tentativo di disincaglio effettuato da due rimorchiatori, è ancora fermo leggermente inclinato su un fianco. Anche in questo caso, così come per la Ever Given, le prossime speranze sono legate al rialzo della marea atteso a breve nella speranza che sia sufficiente a rimettere la nave in sufficiente galleggiamento per essere rimossa dall’incaglio.

Attualmente battente bandiera di Cipro, l’ultima nuova costruzione ro-pax sfornata dal Cantieri Navale Visentini nel prossimo futuro è destinata a entrare a far parte (in time charter) della flotta Grandi Navi Veloci.

La Gnv Bridge ha circa 32.000 tonnellate di stazza lorda, è lunga 203 metri, potrà ospitare oltre 1.000 passeggeri, è dotata di impianto scrubber di ultima generazione e svilupperà una velocità di crociera di 24 nodi.

AGGIORNAMENTO 28 Marzo 2020 – h.22:30 

La GNV Bridge con l’arrivo in serata dell’alta marea è stata liberata dall’incaglio che l’ha bloccata per alcune ore durante il giorno e procede ora verso il largo per le prove in mare.