Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Salvataggio italiano (di Augustea) per la nave Samus Swan al largo delle coste siciliane

Il rimorchiatore d’altura Carlo Magno della società armatoriale Augustea è stata protagonista del ‘salvataggio’ di una nave cisterna rimasta vittima di incendio in sala macchine che ha messo fuori uso l’apparato motore.

Secondo quanto appreso da SHIPPING ITALY si tratta della Samus Swan, piccola chemical products tanker di proprietà della società danese Uni-Tankers in servizio sulle rotte di cabotaggio intorno all’Italia. L’incendio, accaduto mentre la nave era in navigazione da Livorno verso il proto tunisino di Gabes e si trovava quasi all’altezza di Malta, ha coinvolto anche due marittimi, uno dei quali avrebbe perso la vita secondo quanto trapela da fonti non ufficiali. La nave in oggetto, grazie al coordinamento della società Cambiaso Risso Service di Montecarlo, è stata invece rimorchiata verso il porto di Augusta dove si trova attualmente ormeggiata in attesa che l’armatore decida il da farsi sulle riparazioni necessarie.

Per il rimorchiatore d’altura Carlo Magno, un AHTS costruito nel 2006 dal cantiere navale Rosetti Marino di Ravenna e con una capacità di tiro al punto fisso superiore a 150 tonnellate, si è trattato di un lavoro semplice, tanto più se paragonato all’impresa di disincagliare la portacontainer Ever Given nel canale di Suez nella quale era stato protagonista la scorsa primavera.

N.C.