Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Vado Gateway è ufficialmente partito col primo scalo del servizio ME2 di Maersk

Il trasferimento al nuovo terminal container di Vado Ligure del servizio ME2 che collega il Mediterraneo con Medio Oriente e India sta già iniziando a prendere forma.

Oggi infatti è ormeggiata presso la banchina del porto gestito da Apm Terminals Vado Ligure la nave Northern Monument, una portacontainer da circa 7.000 Teu impiegata da Maersk Line nella rotazione del servizio Me2 che collega i porti del Mediterraneo con il Medio Oriente. Lo scalo di oggi è in pratica l’ultimo test e il primo vero approdo commerciale in banchina.

Secondo quanto appreso da SHIPPING ITALY il nuovo terminal imbarcherà e sbarcherà infatti alcune centinaia di container, una parte dei quali verrà già trasferita via camion e via treno ai destinatari finali in Nord Italia.

In teoria questo servizio operato con navi da 7.000 e 8.000 Teu di capacità dovrebbe seguire la rotazione seguente: Dammam, Al Jubayl, Abu Dhabi, Jebel Ali, Salalah, Jeddah, Port Said, Marsaxlokk, Tanger Med, Algeciras, Valencia, Fos e Genova. Dopo Vado Ligure la nave è infatti attesa anche al Sech di Genova ma lo scalo del capoluogo ligure dal mese di febbraio verrà soppresso. Il gruppo danese Ap Moller Maersk controlla sia la compagnia di navigazione Maersk Line che Apm Terminals ed era dunque scontato attendersi che le linee marittime proprie sarebbero state trasferite nello scalo savonese.

Per Apm Terminals Vado Ligure, dopo le prime toccate sperimentali di navi appositamente noleggiate per testare l’equipment e per formare il personale o di navi che tradizionalmente scalavano il vicino Reefer Terminal, l’arrivo e la lavorazione della portacontainer Northern Monument rappresenta il vero e proprio ingresso sul mercato del nuovo terminal container.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY