Il quotidiano on-line del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Terminal Container Ravenna ha fatto gli straordinari per Msc



Terminal Container Ravenna, società controllata da Contship Italia e partecipata da Sapir, ha fatto sapere di aver realizzato “un’ottima prestazione operativa, utilizzando al massimo le gru ship-to-shore disponibili e riducendo i tempi di lavoro della nave Msc Celine, permettendo così alla compagnia di navigazione di comprimere i tempi di permanenza in porto”. All’arrivo della portacontainer il team di Tcr ha iniziato a lavorare impiegando simultaneamente tutte e quattro le gru di banchina disponibili e completando le 714 operazioni previste dal piano di lavoro in meno di 13 ore.

La nave in questione è lunga 210 metri, larga 32 e ha una capacità di carico di oltre 2,700 TEU. “Non si tratta di un colosso dei mari, ma la sua importanza per il nostro territorio risiede nella rotta che percorre e nella merce che trasporta” spiegano dal terminal.

La Msc Celine fa parte infatti della linea D di Msc, che collega l’Adriatico con il Mediterraneo Orientale, più precisamente Grecia,Turchia, Cipro, Siria, Libano ed Egitto, per poi ritornare verso l’Adriatico. Questa rotazione è particolarmente importante per l’importazione di prodotti ortofrutticoli e alimentari freschi, coltivati nei climi caldi dei paesi del bacino Mediterraneo.

“Ravenna è il primo porto gateway italiano, scalato dalle navi attive su questo servizio e rappresenta l’approdo ideale per l’import dei prodotti freschi” spiegano ancora da Contship. “Lo scalo beneficia di un transit time dall’Egitto di soli 3 giorni, che permette alla merce importata di arrivare rapidamente ai mercati italiano ed europei. Inoltre, la specializzazione del Terminal Container Ravenna nella movimentazione delle merci deperibili, unita alla consolidata esperienza del personale operativo nell’ottimizzare le operazioni di sbarco e imbarco, permettono al gateway di ridurre al minimo i tempi di permanenza in porto”.

Il responsabile del reparto navi del terminal, Alessandro Braschi, ha così commenta il lavoro svolto: “Grazie alla sinergia tra il terminal e il vessel planner con un’attenta pianificazione, il personale Tcr e della compagnia portuale hanno gestito l’operatività nave lavorando con quattro gru contemporaneamente. Questo grande impegno e l’alto profilo professionale hanno portato a raggiungere l’obiettivo di ridurre al minimo i tempi di permanenza in banchina offrendo al cliente un’ottima prestazione operativa”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY