Il quotidiano on-line del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Confetra Toscana suggerisce alle imprese come gestire la fase critica della logistica



— COMUNICAZIONE AZIENDALE —

Conseguentemente alle misure restrittive adottate per l’emergenza COVID-19, sia nel nostro Paese che nel resto del mondo, per quanto riguarda il settore della Logistica e delle Spedizioni si potrebbe andare incontro nelle prossime settimane a un blocco logistico dovuto al non normale deflusso delle merci in arrivo, in particolar modo con provenienza dalla Cina, che sta uscendo dall’emergenza sanitaria e pertanto ha ripreso a rispedire merci principalmente via mare e in maniera più soft anche per via aerea.

Lo scenario che si presenta non è dei più rosei in quanto da un lato abbiamo i magazzini delle imprese produttrici escluse dalla lista delle attività essenziali sono ancora chiusi e al momento non abbiamo data certa per la loro riapertura, la mancanza di liquidità delle imprese italiane di procedere ai pagamenti delle merci e dei dazi di importazione e l’impossibilità di ricevere le merci nei loro magazzini. Dall’altro lato si determinerà l’impossibilità di svuotare i container e, conseguentemente, si presenterà il problema della carenza di container vuoti indispensabili alle imprese per spedire le proprie merci verso mercati esteri e generare flusso di cassa.

E’ facile comprendere come una situazione del genere porti a un congestionamento dei nodi logistici e un aggravio di costi per le nostre imprese aggravando la già non facile situazione economica generale.

Il Presidente di Confetra Toscana, Alberto Bartolozzi, si augura che il Governo esamini al più presto la proposta di riapertura dei magazzini nazionali delle attività non essenziali come più volte caldamente esortato al Ministro dei Trasporti Paola De Micheli dal Presidente della Confetra Nazionale, Guido Nicolini, e dal Direttore generale, Ivano Russo.

Attraverso questo comunicato Confetra Toscana, tuttavia, esorta tutte le imprese della Regione a reagire con fiducia e ottimismo poiché per adesso esiste ancora margine per limitare danni e disfunzioni.

CONFETRA TOSCANA si rende disponibile per le Industrie attualmente chiuse, che hanno necessità di vuotare i container per evitare l’incremento dei costi di magazzinaggio, a fornire i contatti di aziende di logistica, di depositi doganali e magazzini IVA, che hanno diponibilità di spazi, atti a ricevere le merci evitando il congestionamento.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY