Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Banchero (Assagenti): “Il collasso per il porto di Genova è vicino”

La situazione della rete autostradale attorno a Genova sta peggiorando di giorno in giorno e anche Assagenti, l’associazione locale degli  agenti marittimi, alza la voce: “Ad ogni controllo emergono danni tali da dover chiudere delle tratte. Perché questi controlli non sono stati fatti durante il periodo di lockdown, quando le autostrade erano semi deserte? I responsabili devono rendere conto di queste inadempienze e di anni di completa incuria!”.

Il presidente dell’associazione, Alberto Banchero, parla di “indignazione e preoccupazione per le ripercussioni che questo ormai cronico isolamento sta comportando sui traffici del nostro porto e della nostra regione. Forse chi ci governa non se ne sta ancora rendendo conto ma la situazione ha superato il limite, quando si arriva al punto che i nostri dipendenti faticano a raggiungere il posto di lavoro e le merci non arrivano più in porto, il collasso è vicino”.

Il numero uno di Assagenti ricorda che quando la merce non arriva in tempo in porto, perde l’imbarco, va incontro ad extra costi e reclami: “Per quanto tempo gli esportatori italiani che, ricordiamolo, stanno ripartendo faticosamente dopo il periodo pandemico, potranno sopportare questa situazione prima di cambiare porto di imbarco? E fino a quando le stesse compagnie di navigazione potranno continuare a scalare in un porto la cui fragilità infrastrutturale conclamata non garantisce il regolare afflusso di merci?. Chi ne deve rispondere di questa tempesta perfetta se non chi gestisce da anni queste infrastrutture e ha trasformato reiteratamente e senza scrupolo gli investimenti per manutenzione in utili?”.

Banchero in conclusione dice: “E’ arrivato il momento di dire basta a tutto questo e alle passerelle politiche a cui assistiamo ormai da quasi due anni, dalla disgrazia del crollo del ponte Morandi ad oggi abbiamo sentito solo proclami, slogan, ma non è stata preso un provvedimento degno di questo nome nei confronti dei palesi responsabili!”.