Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

I noli dry bulk tornano a salire e Michele Bottiglieri coglie un noleggio con Cargill

La nave Kamsarmax bulk carrier Mba Giuseppe della società italiana Michele Bottiglieri Armatore secondo quanto riportano alcuni broker marittimi è stata appena fissata in time charter per 10-13 mesi al trader Cargill con una rata di nolo giornaliera pari a 10.250 dollari. La consegna della nave al noleggiatore è prevista a brevissimo nel porto cinese di Ningbo.

L’esperto armatore napoletano è dunque riuscito a cogliere la ripresa del dry bulk che da alcuni giorni si è manifestata con rendimenti in netto miglioramento per tutte le tipologie di bulk carrier.

Nel caso delle Panamax e Kamsarmax secondo Baltic Briefing una spinta importante è arrivata dal mercato del Sud America e dai caricatori di grano che hanno ridato impulso alla domanda di stiva. Proprio il noleggio della Mba Giuseppe a 10.250 dollari/giorno per oltre un nano viene menzionato come picco della settimana.

Anche le Capesize bulk carrier sono salite ai massimo del 2020 grazie alla domanda sostenuta di minerali di ferro dall’Estremo Oriente che ha fatto salire le rate per i viaggi dal Brasile alla Cina a quasi 14.000 dollari/giorno.

In ripresa anche i noli per le navi classe Supramax e Ultramax grazie a una richiesta elevata di tonnellaggio da India e US Gulf. Per queste navi si sono visti noli spot da 15.500 dollari/giorno e time charter da circa 11.000 dollari.

Vivace anche il mercato delle navi Handysize grazie in particolare ai carichi in uscita dalla costa est del Sud America dove si sono registrati fissati spot da 7.000-7.500 dollari/giorno per viaggi con destinazione Nord Europa e Baltico. In ripresa il mercato per queste navi anche nei bacini del Golfo del Massico e in Europa/Mediterraneo.