Il quotidiano on-line del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Msc vuole subentrare nel gateway ferroviario di Gioia Tauro



Mediterranean Shipping Company ha manifestato il proprio interesse a gestire direttamente il gateway ferroviario da cui è uscita poco fa Sogemar (gruppo Contship Italia).

Lo ha reso noto l’Autorità portuale di Gioia Tauro che ha anche comunicato di aver chiuso positivamente la gestione finanziaria 2019 con un avanzo di amministrazione di oltre 120 milioni di euro. Una somma già vincolata in parte, per 45 milioni, alla valorizzazione infrastrutturale degli scali portuali, attraverso la realizzazione di opere ritenute strategiche, in base al Piano operativo triennale 2020-2022. Importanza particolare viene data al bacino di carenaggio e altri interventi minori.

Il documento economico illustrato ai membri del parlamentino portuale dal dirigente di settore Luigi Ventrici, evidenzia l’ammontare delle entrate, accertate nel corso del 2019, che ammonta a oltre 38 milioni di euro, a fronte dei circa 35 milioni di euro destinati alle uscite mentre il valore di cassa è passato dagli iniziali 129 milioni di euro, relativi alla chiusura del 2018, agli oltre 141 milioni di euro di fine esercizio 2019. Si tratta di somme liquide importanti, fanno sapere dall’Autorità portuale, che hanno una chiara destinazione d’uso e sono, immediatamente, disponibili per finanziare ulteriori opere infrastrutturali. La gestione economica dell’ente è stata, come ormai da diversi anni, finalizzata anche all’abbattimento delle tasse d’ancoraggio, rimborsate alle compagnie di navigazione che attraccano negli scali di competenza dell’Autorità portuale, in modo da sostenerne la competitività.

Durante il comitato, il commissario straordinario Andrea Agostinelli ha comunicato inoltre ai presenti la proposta di subentro del costituendo Consorzio, tra MCT, Medway Italia e Medlog Italia, nella gestione del nuovo terminal intermodale di Gioia Tauro. “La proposta rappresenta la finalizzazione della costruzione del gateway ferroviario e consentirà finalmente l’esercizio del traffico ferroviario portuale, attesa anche la prossima risoluzione, fortemente voluta dalla Regione Calabria, della cessione della gestione, a cura di RFI, del raccordo ferroviario che da San Ferdinando arriva a Rosarno. Il primo passo verso la configurazione del porto di Gioia Tauro come porto gateway, e non solo come porto di transhipment, si sta compiendo” ha spiegato Agostinelli.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY