Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

L’Antitrust italiana ha detto sì al matrimonio fra Palumbo e Msc Crociere a Malta

L’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato ha dato il via libera all’acquisizione del 50% del cantiere navale Palumbo di Malta da parte di Msc Crociere optando per non avviare un’istruoria sull’operazione.

Lo ha reso noto la stessa authority ricordando che Palumbo Malta Shipyard Ltd. e Palumbo Shipyard Ltd. sono due imprese attive nella gestione di un’area per le riparazioni navali e relative attività all’interno del porto di Malta.

“L’operazione in esame consiste nell’assunzione, da parte di Msc, del controllo congiunto di

Palumbo Malta, attraverso l’acquisizione del 50% delle partecipazioni azionarie attualmente

detenute da Palumbo in entrambe le società. Le regole di governo societario relative a Palumbo Malta, stabilite nei patti parasociali che verranno sottoscritti da Msc e Palumbo, saranno improntate al principio di uguaglianza tra le società controllanti, a partire dal numero di consiglieri di amministrazione espressi da ciascuna di esse” scrive l’Agcm.

A proposito della conseguente concentrazione di mercato aggiunge: “In ragione delle attività svolte dalle società partecipanti, la concentrazione in esame interessa il settore della cantieristica e, nello specifico, l’attività di riparazione navale, a sua volta distinguibile in riparazione e manutenzione delle navi in servizio (fleet time maintenance) e in piccola trasformazione su navi civili. Nel caso di specie non è necessario addivenire a una definizione precisa del mercato merceologico rilevante in considerazione del fatto che, qualunque sia la definizione adottata, la valutazione dell’operazione non muterebbe. Sotto il profilo geografico, l’attività di riparazione navale è generalmente da intendersi di dimensioni mondiali; tuttavia, anche con riferimento all’estensione geografica del mercato rilevante, valgono le considerazioni sopra espresse nel senso che, anche adottando una definizione del mercato più circoscritta, la valutazione dell’operazione non cambierebbe”.

Per l’Antitrust nell’attività di riparazione navale Palumbo Malta detiene una quota inferiore al 5%, mentre Msc non è attualmente presente, pertanto l’operazione “non è idonea ad alterare la struttura concorrenziale del mercato rilevante comunque definito”.