Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Via alla costruzione della nuova ammiraglia di Msc Crociere

È stata celebrata in Francia, ai Chantiers de l’Atlantique di Saint-Nazaire, la posa del primo blocco della nave MSC World Europa, quella che diventerà la nave da crociera più nuova e più grande della flotta cruise dell’armatore Aponte che ha appena festeggiato80 anni.

Si tratta di un gigante da 205.000 tonnellate di stazza lorda alimentato a GNL per un costo che si dice si aggiri intorno a 1,2 miliardi di dollari, destinata a diventare anche la prima delle quattro navi gemelle ordinate nei cantieri francesi. Con una lunghezza di 333,3 metri, la MSC World Europa sarà una delle più grandi navi da crociera del mondo, una delle poche a superare le 200.000 tonnellate lorde: con 2.632 cabine passeggeri, ha una capacità passeggeri totale di 6.761 persone oltre a 2.139 membri dell’equipaggio. La cerimonia, considerata come un importante segno di fiducia nel futuro del settore crocieristico, segna la ripartenza nella costruzione di grandi navi da crociera dopo l’emergenza covid 19 e la sospensione delle operazioni crocieristiche. Meyer Werft, per esempio, ha riferito di recente che Carnival Corporation e il suo marchio P&O Cruises stanno continuando a ritardare la consegna della Iona, costruita (e terminata) a Papenburg, in Germania.

“La MSC World Europa è un’ulteriore prova del nostro impegno per la tutela ambientale, visto che è destinata a ridurre le emissioni di carbonio rispetto a molte altre navi da crociera esistenti alimentate a GNL, attualmente il combustibile più ecologico per le operazioni marittime commerciali – spiega Pierfrancesco Vago, presidente esecutivo di MSC Crociere – Con questa nave riconfermiamo la nostra convinzione nell’investire in tecnologie ambientali avanzate per raggiungere l’obiettivo di lungo termine delle zero emissioni”. I progetti di Msc per la World Class contemplano anche l’utilizzo, per la prima volta in assoluto, di una cella a combustibile alimentata a GNL, caratterizzato da un sistema dimostrativo da 50 kilowatt che incorpora la tecnologia delle celle a combustibile a ossido solido (SOFC) e utilizza GNL per produrre elettricità e calore a bordo. Secondo MSC, questa soluzione ridurrà le emissioni di gas a effetto serra di circa il 30% rispetto a un motore GNL convenzionale, senza emissioni di ossidi di azoto, ossidi di zolfo o particelle fini, offrendo, inoltre, il vantaggio di essere compatibile con il GNL e a numerosi carburanti a basse emissioni di carbonio come alcuni tipi di metanolo, ammoniaca e idrogeno. La nave MSC World Europa presenterà inoltre un sistema di trattamento delle acque reflue di nuova generazione che supera gli attuali standard normativi e altre tecnologie ambientali all’avanguardia.
La World Class fa parte di un piano di espansione globale aggressivo predisposto per le operazioni di crociera di MSC. Attualmente, con una flotta costituita da 17 navi da crociera, MSC è impegnata in un piano da 11,6 miliardi di euro che prevede l’espansione della flotta da crociera fino a raggiungere le 25 navi entro il 2027. È previsto, inoltre, l’investimento di altri 2 miliardi di euro da parte della Divisione Crociere per un nuovo marchio di crociere di lusso composto da quattro navi super yacht costruite da Fincantieri e che dovrebbero essere varate tra il 2023 e il 2026. Attualmente MSC Crociere ha annullato le sue operazioni nel mondo fino ad agosto 2020. Alcuni di questi investimenti probabilmente subiranno un rallentamento a causa del Covid-19.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY