Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Il Gnl alle navi ammesso dal Mise fra i certificati bianchi grazie a Caronte&Tourist

Il Gas naturale liquefatto (Gnl) per il trasporto navale entra fra le tecnologie incentivabili con il sistema dei Certificati Bianchi per l’efficienza energetica. Lo riporta Staffetta quotidiana spiegando che “la direzione per l’approvvigionamento, l’efficienza e la competitività energetica del ministero dello Sviluppo economico, di concerto con direzione per il clima, l’energia e l’aria del ministero dell’Ambiente, ha aggiornato la lista dei progetti eleggibili per il sistema dei Certificati Bianchi, aggiungendo una dozzina di nuove voci, prevalentemente in ambito industriale, più una in quello dei trasporti, alle 73 tipologie già previste nell’ultimo aggiornamento di maggio 2018”.

Il meccanismo dei Tee prevede che quando un progetto che è stato presentato al Gse non rientra nelle classi di investimento “standard” già previste dal decreto, ma è ugualmente giudicato meritevole di accedere al meccanismo, il Gse lo sottopone al Mise affinché valuti se ammettere quella tipologie di intervento, inserendola in un’apposita tabella allegata al decreto sugli obiettivi del periodo, indicando il numero di anni per cui è prevista l’incentivazione.

Quanto alla nuova tipologia nell’ambito dei trasporti, viene così definita nell’allegato: “Acquisto flotte di mezzi di trasporto non a trazione elettrica e alimentati da uno o più combustibili anche diversi da gas naturale, Gnl, Gpl o idrogeno”. A far scattare la nuova voce nella tabella è stato il progetto, presentato da una Esco, di conversione a dual fuel diesel/Gnl di un traghetto della compagnia di navigazione Caronte & Tourist. Il progetto, del valore di 30 milioni di euro, produrrà 160 tep/anno.

“Il provvedimento – rimarca ancora il Mise nella nota – rientra nelle azioni di potenziamento della politica di promozione dell’efficienza energetica, prevista dal Piano nazionale integrato per l’energia e il clima, e precede l’emanazione nei prossimi mesi del decreto ministeriale che fissa gli obiettivi per il sistema dei Certificati Bianchi per il periodo 2021-2024”.