Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Cef: dall’Europa fondi per il trasporto marittimo di corto raggio

Cef: dall’Europa 2,2 miliardi per 140 progetti di logistic

L’Ue sostiene la ripresa economica degli Stati membri iniettando quasi 2,2 miliardi di euro in 140 progetti chiave nel settore dei trasporti. Si tratta di progetti che contribuiranno a costruire i collegamenti di trasporto mancanti nel continente, a sostenere il trasporto sostenibile e a creare posti di lavoro.

I finanziamenti sono distribuiti attraverso il CEF, il Connecting Europe Facility, programma di sovvenzioni dell’Ue a sostegno delle infrastrutture di trasporto. Con questo budget, l’Ue raggiungerà i suoi obiettivi climatici stabiliti nell’European green deal, soprattutto con il rafforzamento delle ferrovie, compresi i collegamenti transfrontalieri e i collegamenti con porti e aeroporti. Il trasporto sulle vie navigabili interne viene potenziato grazie a una maggiore capacità e a migliori collegamenti multimodali con la rete stradale e ferroviaria.

Nel settore marittimo, la priorità è data ai progetti di trasporto marittimo a corto raggio basati su combustibili alternativi e all’installazione di un sistema di alimentazione elettrica a terra per i porti per ridurre le emissioni delle navi attraccate.

“Il contributo UE di 2,2 miliardi di euro contribuirà a rilanciare la ripresa: ci aspettiamo che generi 5 miliardi di euro di investimenti” spiega Adina Vălean, commissario per i trasporti. “Il tipo di progetti in cui investiamo va dal trasporto per vie navigabili interne ai collegamenti multimodali, dai carburanti alternativi alle massicce infrastrutture ferroviarie”.

Più in dettaglio, l’UE è decisa a sostenere 55 progetti di infrastrutture ferroviarie situate sulla rete centrale transeuropea dei trasporti (TEN-T) per 1,6 miliardi di euro: tra questi, il progetto Rail Baltica, che integra gli Stati baltici nella rete ferroviaria europea, e la sezione transfrontaliera della linea ferroviaria tra Dresda (Germania) e Praga (Repubblica Ceca). Con 19 progetti, sosterrà inoltre il passaggio a carburanti più ecologici per i trasporti con quasi 142 milioni di euro: alcuni di questi prevedono la conversione di navi in modo che possano funzionare a gnl, gas naturale liquefatto e l’installazione di infrastrutture corrispondenti nei porti.

Il trasporto su strada vedrà la diffusione di infrastrutture per carburanti alternativi, in particolare attraverso l’installazione di 17.275 punti di ricarica sulla rete stradale e l’impiego di 355 nuovi autobus. Nove progetti, per un investimento da 49,8 milioni di euro, contribuiranno a creare un sistema ferroviario interoperabile nell’Unione e il funzionamento senza soluzione di continuità dei treni in tutto il continente, attraverso il sistema europeo di gestione del traffico ferroviario. L’aggiornamento delle locomotive e dei binari ferroviari al sistema europeo unificato di controllo dei treni aumenterà la sicurezza, diminuirà i tempi di viaggio e ottimizzerà l’utilizzo dei binari.

Tutti i progetti sono stati selezionati per il finanziamento tramite due bandi di gara lanciati nell’ottobre 2019 (regolare bando CEF Trasporti) e nel novembre 2019 (bando CEF Transport Blending Facility). Il contributo finanziario dell’Ue viene fornito sotto forma di sovvenzioni, con tassi di cofinanziamento diversi a seconda del tipo di progetto. Per 10 progetti selezionati nell’ambito del Blending facility, il sostegno dell’Unione viene combinato con finanziamenti aggiuntivi da parte delle banche.

Complessivamente, nell’ambito del programma CEF, 23,2 miliardi di euro sono disponibili per sovvenzioni dal bilancio Ue 2014-2020, in modo da cofinanziare progetti della rete transeuropea di trasporto (TEN-T) negli Stati membri. Dal 2014, primo anno di programmazione del CEF, sono stati lanciati sei inviti a presentare proposte di progetti (uno all’anno): in totale, il CEF ha finora sostenuto 794 progetti nel settore dei trasporti, per un valore complessivo di 21,1 miliardi di euro. Per entrambi i bandi, la Commissione adotterà nei prossimi giorni decisioni formali di finanziamento: l’Inea, l’agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti, firmerà gli accordi di finanziamento con i beneficiari dei progetti al più tardi entro gennaio 2021.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY