Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

L’Antitrust riporta la concorrenza nel trasporto di rifiuti e infiammabili nel Golfo di Napoli

L’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato nel suo ultimo bollettino settimanale ha reso noto gli impegni che diverse società di navigazione (Mediterranea Marittima, Medmar Navi, Servizi Marittimi Liberi Giuffré & Lauro, Tra.Spe.Mar., Gml Trasporti Marittimi e Consorzio Cotrasir) hanno proposto di adottare per eliminare ogni intesa restrittiva delle concorrenza posta in essere nell’offerta dei servizi di trasporto di infiammabili e rifiuti da e per le isole del Golfo di Napoli (Ischia, Procida e Capri).

Lo scorso gennaio l’Antitrust aveva rivelato l’apertura di un procedimento istruttorio nei confronti di queste società sulla base anche di numerose segnalazioni ricevute che evidenziavano un fenomeno concertativo tra imprese concorrenti nei servizi di trasporto marittimo di merci pericolose, rifiuti e infiammabili da e per le isole del Golfo di Napoli, finalizzato a uniformare le condizioni di offerta dei servizi e all’azzeramento di ogni dinamica concorrenziale, in termini di possibilità di scelta da parte della domanda, di qualità e costi dei servizi di trasporto offerti.

L’Agcm ha ora reso noto che, con una comunicazione del 1 luglio 2020, le parti coinvolte in questa procedura hanno presentato impegni consistenti, in sintesi, nell’impegno a sciogliere Cotrasir e Gml e ad astenersi in futuro dall’attuazione di forme di concertazione finalizzate alla prestazione dei servizi analizzati dall’istruttoria, ivi comprese eventuali gestioni in forma consortile dei medesimi; nell’impegno a dotarsi e a dare attuazione a specifici programmi di compliance antitrust conformi alle Linee Guida adottate dall’Autorità Autorità e a sottoporne il contenuto all’Agcm per approvazione, nonché ad aggiornare i medesimi con cadenza annuale; nell’impegno a incontrare periodicamente, in tavoli tecnici appositamente convocati, i principali clienti ed enti locali fruitori dei servizi di trasporto analizzati dall’istruttoria, al fine di verificare la possibilità di incrementare la qualità dei servizi in ragione delle esigenze che verranno manifestate nel corso degli incontri; nell’impegno ad applicare un cap sui prezzi dei servizi analizzati dall’istruttoria.

In particolare, Traspemar, Mediterranea Marittima, Giuffré e Lauro e Medmar Navi si impegnano ad applicare ai clienti, per la prestazione dei servizi in questione, prezzi non superiori ad alcuni corrispettivi dettagliatamente elencati in due appositi allegati al formulario impegni e individuati distintamente per la tratta Ischia – Procida – Napoli (Casamicciola -Procida- Pozzuoli per il trasporto rifiuti) e per quella Napoli-Capri.