Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Per il Gruppo d’Amico un 2019 in rosso e il termine delle joint venture con Cambiaso & Risso

Il Gruppo d’Amico Società di Navigazione ha mandato in archivio un 2019 in rosso a livello di bilancio consolidato per 53,9 milioni di euro (dai -37 milioni di un anno prima), a fronte di ricavi calati leggermente a 696,9 milioni (da 71 milioni), un Margine operativo lordo (Ebitda) positivo per 173 milioni e un risultato operativo (Ebit) sostanzialmente in pareggio. La perdita di 53,9 milioni è per 44,9 milioni riconducibile direttamente ai risultati della capogruppo e per 8,9 milioni ai risultati di pertinenza di terzi.

È lo stesso gruppo armatoriale controllato dai cugini Cesare e Paolo d’Amico a spiegare nel bilancio che “il peggioramento dei risultati è dovuto in gran parte all’andamento dei mercati” in cui le società del gruppo operano (dry bulk e liquid bulk) ma anche il cambiamento del principio contabile IFRS16, “che ha eliminato per il locatario la distinzione tra leasing finanziario e operativo, ha anch’esso contribuito con un aggravio di costi per l’anno 2019 pari a 8,7 milioni di euro”. Il 2020 fino ad oggi ha dato certamente soddisfazioni maggiori ai d’Amico rispetto all’esercizio passato.

Fra le variazioni che nel 2019 hanno riguardato partecipazioni minori viene evidenziata la vendita “a terzi” delle “partecipazioni con Cambiaso & Risso dislocate nel sud-est asiatico”. Il riferimento è alle società in joint venture Cambiaso e Risso Asia Pte Ltd, Cambiaso e Risso Pte Ltd, Cambiaso e Risso Ltd – Hong Kong e Shanghai Changjiang Risso Ltd che offrivano anche a terzi servizi di agenzia marittima e di brokeraggio assicurativo a Singapore, Hong Kong e a Shanghai. Queste società sono finite a far parte del pacchetto complessivo Cambiaso & Risso ceduto l’anno scorso ai francesi di Siaci Saint Honoré.

Terminata l’esperienza nel brokeraggio assicurativo, il Gruppo d’Amico Società di Navigazione rimane attivo negli altri servizi marittimi già da tempo offerti come lo ship management (tramite la Ishima Pte Ltd), il trading di bunker (tramite la Rudder) e il manning (con la Sirius Ship Management).

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY