Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

La d’Amico I.S. si riprende la nave cisterna High Priority

La società armatoriale d’Amico International Shipping S.A. ha reso noto che la propria controllata operativa irlandese d’Amico Tankers D.A.C., ha esercitato l’opzione di acquisto sulla nave cisterna High Priority per un importo pari a 9,7 milioni di dollari. Si tratta di una Medium Range di portata lorda pari a 46.847 tonnellate costruita nel 2005 presso Nakai Zosen (Giappone) che a settembre 2017 era stata ceduta per 13 milioni di dollari a una società controllata da Sole Shipping Special Opportunities Fund II Lp e ripresa in leasing da d’Amico Tankers per un periodo di 5 anni, con opzioni di acquisto a partire dal secondo anno di contratto e con un obbligo di riacquisto alla fine del quinto anno.

Ad oggi, la flotta d’Amico International Shipping comprende 39 navi cisterna a doppio scafo (Mr, Handysize e LR1, di cui 19 navi di proprietà, 11 a noleggio e 9 a noleggio a scafo nudo), con un’età media relativa alle navi di proprietà e a noleggio a scafo nudo pari a 6,4 anni.

Paolo d’Amico, presidente e amministratore delegato della società, ha dichiarato:
“Questa operazione è in linea con la nostra strategia di riduzione della leva finanziaria di Dis e di miglioramento del nostro break-even. Il contratto di leasing esistente verrà, infatti, sostituito con un finanziamento bancario a una leva finanziaria molto più contenuta e a un costo del debito notevolmente ridotto. Siamo stati in grado di cogliere questa opportunità grazie alla solida posizione finanziaria di cui oggi godiamo, risultato del forte mercato dei noli di cui abbiamo beneficiato nella prima metà del 2020 e del ricavato delle cessioni della maggior parte delle nostre navi più vecchie nel corso degli ultimi anni”.

Paolo d’Amico ha ancora aggiunto: “La vendita delle nostre navi più vecchie ci ha concesso di raggiungere il duplice obiettivo di incrementare le nostre risorse finanziarie e di posizionare Dis come operatore di una flotta principalmente ‘Eco’ e tra le più moderne del mercato”.