Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Un altro spedizionieri si mette a fare il vettore marittimo: ora tocca a Bollorè Logistics

Dopo il primo caso di Dsv e la seconda esperienza di Geodis, un terzo player delle spedizioni decide di mettersi a fare il vettore marittimo per garantire ai propri clienti disponibilità di stiva e puntualità del servizio di trasporto offerta fra Asia ed Europa.

Il soggetto in questione è Bollorè Logistics che, secondo quanto riporta Dynaliners, ha deciso di noleggiare quattro navi break bulk per garantire una capacità di stiva da 1.500 Teu sul trade fra Estremo Oriente (Cina e Vietnam), il Mediterraneo e il Nord Europa. Oltre a questo progetto, con altri partner la stessa Bollorè Logistics è coinvolta nell’organizzazione di altre due partenze fra Cina e Nord Europa sempre utilizzando piccole navi breabulk in grado di garantire ulteriori 700 Teu di capacità.

Stesso progetto di assicurarsi capacità di stiva container da offrire ai propri clienti su navi multipurpose è stata avviata nelle scorse settimane da Geodis con la nave Uhl Faith che, partita dalla Cina a fine gennaio, è ora in transito nel mediterraneo con destinazione il porto di Amburgo dove è attesa il prossimo 3 marzo. Il transit time dei container spediti sarà stato quindi di un mese circa.