Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

La stazione zoologica Anton Dohrn vuole una nave per le ricerche al largo della Calabria

La stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli ha indetto una gara europea per la costruzione di un’imbarcazione oceanografica da mettere al servizio delle indagini del Centro ricerche ed infrastrutture marine avanzate in Calabria (Crimac).
In particolare l’ente ha spiegato di voler realizzare una unità che, nel panorama delle piccole navi da ricerca attive nel Mediterraneo, rappresenti una “piattaforma altamente innovativa per gli aspetti legati al basso impatto ambientale, all’economicità di esercizio, funzionalità e al design”.
Nel dettaglio, la nave – per la cui costruzione viene stanziato un importo a base d’asta di 700mila euro – dovrà essere lunga 15 metri, larga 5 e una stazza lorda di 24,95 tonnellate. Dovrà inoltre essere accessoriata con strumentazione “a contenuto altamente tecnologico ed innovativo”, che le permetta di effettuare ricerche negli ambienti marini costieri e del largo, fino a raggiungere, con opportune strumentazioni, una profondità di 500 metri. La nave dovrà inoltre in grado di mantenere una velocità di crociera superiore ai 18 nodi per essere operativa sul medio raggio.
L’appalto sarà aggiudicato sulla base del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e il termine ultimo per la presentazione delle offerte è il prossimo 25 maggio. Il bando di gara precisa inoltre che la consegna della nave dovrà avvenire a Napoli.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY