Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Crescono i traffici al porto di Ravenna: container sopra i livelli pre-Covid nei primi tre mesi del 2021

Nel primo trimestre del 2021 il porto di Ravenna ha movimentato 5.817.322 tonnellate di merci, un traffico superiore del 4,1% a quello dello stesso periodo del 2020 ma ancora inferiore alle 6.401.652 tonnellate con cui si erano chiusi i primi tre mesi del 2019. Il recupero – evidenzia in una nota la AdSP – è stato più marcato a marzo, chiuso con 2.119.812 tonnellate (+20,3% rispetto all’anno precedente ma sotto del 19,5% rispetto alle 2.532.490 tonnellate di marzo 2019). Andamento simile per le toccate navi, che nel periodo sono state 627, con un rimbalzo dell’8,3% sul primo trimestre 2020 ma del 4% inferiori a quelle del primo trimestre 2019. L’analisi complessiva degli ultimi sei mesi (da ottobre 2020 a marzo 2021) mostra volumi comparabili a quelli di un anno prima, con un calo contenuto (-3,9%) dei volumi e un sostanziale stabilità (+0,9%) dal lato delle toccate nave.

Nel dettaglio, rispetto al primo trimestre 2020 nel periodo si è assistito a una crescita delle merci secche (4.794.791 tonnellate, +4,9%), mentre quelle su rotabili sono ancora in calo dell’1,9% per tonnellate, ma in aumento del 15,7% per numero di pezzi. I prodotti liquidi, con una movimentazione di 1.022.531 tonnellate, sono stabili (+0,2%).
Da evidenziare di contro che rotabili e contenitori risultano numericamente superiori a quelli del primo trimestre del 2019. In dettaglio i semirimorchi (“quasi 17.000 pezzi movimentati”, +15,7%), di cui 5.849 nel solo mese di marzo (+24,5%), superano del 7,3% i traffici del 2019. Lo stesso per i veicoli (4.184 pezzi, +134,4%), di cui 1.636 nel solo mese di marzo (+154%), che sono in aumento del 20,3% rispetto al 2019. Per quel che riguarda i contenitori il primo trimestre 2021 si è chiuso in positivo, con 53.354 Teu (+11% sullo stesso periodo 2020), superando del 2,2% i 52.159 del primo trimestre 2019, anche se “le prime stime per il mese di aprile, seppur in tenuta, non prospettano per gli stessi risultati” rileva la port authority.

Complessivamente “dalle stime a chiusura ordinativi” riferisce ancora l’AdSP, “anche il mese di aprile sembrerebbe in positivo, non solo rispetto lo stesso mese del 2020 (anche quello molto negativo a causa del lock-down), ma anche rispetto ad aprile 2019”. Indicativamente secondo l’ente Ravenna arriverà ad avere volumi complessivi cumulati comparabili con quelli del 2019 alla fine del secondo trimestre 2021.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY