Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

L’ultimo acquisto di Marnavi è la Maria Laura dalla livornese Navigazione Cabotaggio

E’ uscita da una flotta italiana per passare nella file di un’altra shipping company compatriota la nave cisterna Maria Laura, una chemical products tanker costruita in Turchia (Tuzla Gemi) nel 2009 con una portata di 17.000 tonnellate (o circa 20.000 mc).

L’armatore Domenico Ievoli, numero uno della società napoletana Marnavi, ha annunciato infatti a SHIPPING ITALY l’acquisto della nave che finora era stata di proprietà della società Cabotaggi, azienda riconducibile alla storica famiglia di armatori Castaldi di Livorno. La Maria Laura nel 2009, dopo la consegna dal cantiere turco, era divenuta appena di proprietà della Navigazione di Cabotaggio andando ad affiancarsi ad altre due unità in flotta, la Quercianella (13,776 Tpl) costruita nel 2004 da Nuovi Cantieri Apuania e dalla nave Martina (11.137 Tpl) sfornata dallo stesso cantiere toscano nel 1998.

In seguito a difficoltà finanziarie simili a quelle di molte altre realtà armatoriali italiane, la ammiraglia Maria Laura era passata sotto il controllo (di fatto) del fondo Pillarstone Italy che a sua volta aveva rilevato dalla banca il credito non-performing e che nei mesi scorsi era stata messa sul mercato. Marnavi se l’è aggiudicata per poco meno di 8 milioni di euro portando così a 13 le navi chemical/product tanker della flotta Marnavi. La Maria Laura verrà ribattezzata Ievoli Gold e raggiungerà la ‘sorella’ Quercianella che pochi anni fa era passata anch’essa da navigazione Cabotaggi a Marnavi e naviga oggi con il nome di Giulia Ievoli.

Con quest’ultimo investimento la flotta timonata da Domenico Ievoli raggiunge le 40 navi (fra tanker e mezzi offshore) e a nel giro di pochi mesi, in autunno, accoglierà anche la nuova costruzione in via di completamento in Cina presso il cantiere Wuchang. Si chiamerà Rita Ievoli, avrà una portata pari a 18.000 mc – 14.600 tonnellate di portata lorda ed era stata ordinata tre anni fa al prezzo di circa 26 milioni di euro per la controllata Marnavi Chem (azienda partecipata da Simest).

Nicola Capuzzo 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY