Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Refitting a Napoli per la nave Gregoretti della Guardia Costiera: commessa da 1 milione

Saranno svolti a Napoli i lavori di ammodernamento sulla unità da supporto multiruolo della Guardia Costiera Bruno Gregoretti. Ad aggiudicarsi l’appalto, del valore di 1,075 milioni di euro, è stato infatti un raggruppamento temporaneo di imprese che vede come capofila il cantiere S&Y Sea & Yachting, che precisamente ha sede a Torre Annunziata. L’appalto, si apprende, è stato aggiudicato senza previa pubblicazione di un avviso di indizione di gara, trattandosi di un caso in cui la “concorrenza è assente per motivi tecnici”.
Realizzata a Napoli nei cantieri navali Megaride, la Bruno Gregoretti (identificata anche come CP 920) è una unità lunga circa 62 metri e larga 13,8, con scafo in acciaio, in grado di accogliere un equipaggio di 31 persone. Fino a pochi giorni fa la nave è stata anche al centro della scena politico-mediatica per l’accusa di sequestro di persona e abuso d’ufficio mossa nei confronti dell’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini (recentemente appunto prosciolto) per avervi tenuto bloccati a bordo 164 migranti salvati in mare nel 2019. Ad oggi la nave risulta già nelle strutture di S&Y, che recentemente ha pubblicato anche un breve video del suo arrivo per il drydocking.

Relativamente a S&Y, la società opera come cantiere attivo nel settore nautico e marittimo, in particolare per attività di noleggio, manutenzioni ordinarie e straordinarie di imbarcazioni. Oltre che nel polo nautico di Marina di Torre Annunziata, è presente anche Brindisi, dove è tra i promotori del progetto Consorzio Cantieri Navali del Mediterraneo. Nel suo curriculum risultano lavori recenti anche su altre unità della Guardia Costiera, quali la nave Corsi e la Denaro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA GRATUITA DI SHIPPING ITALY