Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Rfi ha presentato Sikania: il nuovo traghetto entrato in flotta

Nel porto di Messina è stata inaugurata oggi, venerdì 23 luglio, la nave Sikania in servizio da agosto per il traghettamento nello Stretto che divide Sicilia e Calabria. La nuova imbarcazione andrà ad aggiungersi alla flotta Bluferries – società controllata da Rfi (Gruppo Ferrovia dello Stato Italiane) – composta dalle navi Trinacria, Enotria, Fata Morgana e Riace, che collegano tutti i giorni 24 ore su 24 i porti di Villa San Giovanni e Messina (Tremestieri e porto storico).

Lunga 104 metri e larga 18, la nuova costruzione ha un ponte dedicato al transito degli automezzi e uno per i passeggeri. Può trasportare fino a 24 tir o 125 autoveicoli e circa 400 persone tra viaggiatori e membri dell’equipaggio. Costruita dalla Celt Navtecnica Maritime Services presso il cantiere Kanellos Bros del Pireo, in Grecia, con inizio lavori nel novembre 2019, l’imbarcazione è gemella della Trinacria, che dal 2019 è in servizio nello Stretto di Messina per il traghettamento di mezzi commerciali, autovetture, roulotte, camper e motocicli fra i porti di Villa San Giovanni e Messina.

L’investimento economico di Bluferries, controllata da Rfi, in autofinanziamento è di circa 20 milioni di euro.

Vera Fiorani, amministratrice delegata di Rfi, presidente di Bluferries e madrina della nuova nave ha dichiarato: “La Sikania entrerà in esercizio ad agosto e sarà dedicata prevalentemente al trasporto del gommato pesante. Gemella della Trinacria, ha conosciuto rispetto alla unità sorella ulteriori miglioramenti, nel comfort, nei consumi, nell’accessibilità, nella sostenibilità complessiva. Arricchisce la flotta di Bluferries che ha avuto in questi anni un costante incremento di fatturato. I dati della semestrale sono molto buoni e a fine anno ci aspettiamo ancora miglioramenti. Nel trasporto merci Bluferries ha dimostrato di essere affidabile, seria, non aumenta i propri prezzi da alcuni anni e, come nel caso della Sikania, investe parte dei propri utili nel continuo miglioramento dei propri servizi”.