Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

A ottobre la capacità di stiva per i container sarà più bassa che in passato

In seguito alla Golden Week cinese, che si tiene nel corso della prima settimana di ottobre e che vedrà la Repubblica Popolare fermare quasi completamente la propria produzione industriale, i vettori marittimi si aspettano un significativo calo della domanda ma la loro reazione in termini di aggiustamento (al ribasso) della capacità i stiva sarà più accentuata del solito.

La società di analisi e consulenza Sea-Intelligence ha osservato quali e quante saranno le partenze delle linee cancellate (blank sailing) dalle compagnie di navigazione in tutte e quattro le settimane del mese di ottobre poiché il calo della produzione farà sentire i suoi effetti alcuni giorni più tardi. Le risultanze dicono che quest’anno i vettori marittimi metteranno a disposizione meno capacità di stiva degli altri anni in questo stesso periodo: più precisamente il 9,5% in meno sul trade Asia – West Coast americana, il 12,1% in meno fra Asia e east Cost del Nord America, il 5,9% in meno fra Asia e Nord Europa e invece sarà maggiore rispetto a dodici mesi fa del 1,4% fra Estremo Oriente e Mediterraneo.

Il timore dei caricatori è ora quello che una contrazione dell’offerta di capacità di stiva abbinata a una progressiva ripresa della domanda post-lockdown possa innescare un ulteriore corsa al rialzo dei noli.