Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Msc porta subito a Bettolo la linea con il Canada servita con navi da 5.000 Teu

Da giovedì prossimo, 14 gennaio, il terminal Bettolo del Gruppo Msc inizierà a fare sul serio. Secondo quanto appreso da SHIPPING ITALY la compagnia di navigazione elvetica presieduta da Gianluigi Aponte con il primo scalo della nave Msc Sariska da 5.000 Teu trasferirà nel suo nuovo terminal ai piedi della Lanterna la linea regolare che collega Italia e altri scali nel Mediterraneo con il Canada. Il trasferimento avverrà dal vicino Imt Terminal del Gruppo Messina dove il servizio attraccava finora, dunque non nuovi volumi ma un travaso di container da una banchina a un’altra dello scalo genovese.

Oggi si è tenuta l’ultima riunione tecnica fra il terminalista, l’Autorità di sistema portuale, i piloti e la Capitaneria di porto dalla quale è arrivato il definitivo via libera all’avvio di una linea operativa di Msc con portacontainer fino a 5.000 Teu. La prima unità in arrivo fra un paio di giorni, come detto, è la Msc Sariska (mentre scriviamo ormeggiata a Livorno) che ha una lunghezza di 294 metri, una larghezza di 32 e una capacità di 4.819 Teu. 

Prima di arrivare a Genova, proveniente da Livorno, la nave ha fatto scalo a Napoli, prima ancora a Malta, Montreal in Canada e Sines in Portogallo.

Per poter accogliere queste navi in sicurezza e senza limitare il transito di altre unità nel canale di Sampierdarena erano stati condotti nei mesi scorsi alcuni scali test che avevano confermato la possibilità di ricevere portacontainer di questa dimensione. Quei 5.000 Teu di portata (navi da 294 x 32 metri) è dunque la soglia massima che Terminal Bettolo possa accogliere allo stato attuale; per ricevere la classe dimensionale maggiore di navi serve, come noto, lo spostamento a mare della diga foranea.