Il quotidiano online del trasporto marittimo

Nicola Capuzzo - Direttore Responsabile

Anche Malta ritarda l’esordio del traghetto veloce di Ponte Ferries con la Sicilia

Non solo il porto di Augusta ma anche quello di Malta, costringe la neonata compagnia di navigazione Ponte Ferries a posticipare quantomeno di alcuni mesi la partenza dell’annunciato collegamento fra le due isole con un traghetto veloce.

Secondo quanto appreso da SHIPPING ITALY l’autorità locale Transport Malta (di fatto l’omologo della Capitaneria di porto italiana) appena pochi giorni fa avrebbe notificato ai soggetti interessati che i lavori di adeguamento della banchina ro-ro dello scalo richiederanno ancora diverse settimane prima di essere completati e dunque non è ancora possibile utilizzare quella infrastruttura. Si tratta proprio della banchina dove ha in previsione di ormeggiare Ponte Ferries il suo catamarano Hsc Artemis lungo 96 metri e in grado di trasportare fino a 600 passeggeri, oltre ad auto e camion nei due ponti di garage.

La banchina nel porto di La Valletta tuttora oggetto di lavori in corso

Il ritardo infrastrutturale a Malta si aggiunge dunque alla mancata (finora) concessione chiesta dalla compagnia di navigazione concorrente di Virtu Ferries all’Autorità di sistema portuale del Mare di Sicilia per un accosto e relativa banchina retrostante ad Augusta. Ponte Ferries ad agosto è stata costretta ad annunciare il posticipo dell’avvio della nuova linea per il mancato (finora) rilascio di questa concessione su una porzione di porto richiesta anche da Virtu Ferries intenzionata a sua volta a raddoppiare la linea che già da anni opera fra Malta e Pozzallo. Per il suo secondo collegamento (anch’esso ancora non salpato) quest’ultima compagnia vorrebbe collegare la Valletta con Augusta e Catania.